Abbiamo imparato a conoscerli e desiderarli. Abbiamo imparato a vederli nelle nostre casa dapprima come speaker, per poi diventare dei veri e propri assistenti domotici e non solo. Impossibile dunque oggi giorno negare l’importanza del mercato degli smart speaker anche nel nostro Paese, mercato dove Google da sempre (prima con la gamma “Home” e poi coi i prodotti a marchio “Nest”) ha ricoperto il ruolo di precursore. Scopriamo oggi il nuovo Nest Hub, rinnovato e migliorato con tantissime nuove chicche.

Il primo aspetto migliorato è proprio quello legato alla qualità dell’output sonoro di Google Nest Hub. Si tratta di una potenza di oltre il 50% in più per quanto riguarda i suoni denominati “bassi“, rispetto al modello originale. Grazie a questa novità, i contenuti che andrete a riprodurre verranno elevati ad un nuovo livello, siano essi un video su Youtube, oppure una serie di Disney+ o Netflix.

Questa la funzione forse più innovativa del nuovo Nest Hub, ovvero la possibilità di tracciare le nostre abitudini e la nostra qualità del sonno. Grazie infatti a tutta una serie di nuovi sensori Motion Sense (basati su tecnologia Soli), il nostro smart speaker sarà in grado di monitorare la qualità del riposo della persona a più stretto raggio, senza obbligare quindi l’utente a possedere uno smartwatch o simili.

I dati saranno poi registrati e saranno disponibili sia tramite la nuova hotword “Ok Google, come ho dormito?” sullo schermo del nostro Google Nest Hub, sia in condivisione sull’applicazione Google Fit installata sul proprio smartphone connesso con lo stesso account Google.

Un audio migliorato quindi, la solita qualità smart alla quale l’assistente vocale di Big G ci ha ormai abituato, conditi con una nuova feature in grado di monitorare il nostro riposo ed il nostro benessere quotidiano.

Tutto questo, a partire dal 4 maggio 2021 in alcuni mercati selezionati, europei ed extra europei compresa l’Italia, al prezzo di 99,99 euro direttamente sul Google Store e presso i principali rivenditori di elettronica di consumo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oppo Enco X, recensione. Auricolari in-ear true wireless

next
Articolo Successivo

Una scimmia ha giocato a Pong grazie a un chip di Elon Musk

next