Durante l’evento dedicato al lancio dei nuovi iPhone 12, Apple ha presentato anche un’altra novità: una versione rimpicciolita dell’unico speaker smart messo in commercio con il marchio della mela morsicata e mai arrivato ufficialmente in Italia: HomePod Mini, che diventa così automaticamente il nuovo rivale degli altoparlanti smart Echo di Amazon e Nest Home di Google.

La prima novità che salta subito all’occhio è la forma: HomePod Mini ha dimensioni decisamente più contenute rispetto alla versione originale lanciata da Apple nel 2018. Il dispositivo si presenta sotto forma di una piccola sfera avvolta da un tessuto dalla trama 3D. Nonostante ciò, lo smart speaker dispone di un driver orientato verso il basso e due speaker passivi in grado di garantire comunque un suono a 360 gradi con una qualità degna del suo predecessore.

La qualità audio è gestita dal chip Apple S5, che offre anche un’equalizzazione in tempo reale che avviene automaticamente 120 volte al secondo. Nella parte alta è posizionato un pannello touch retroiluminato tramite il quale sarà possibile visualizzare alcune informazioni dopo aver interagito con l’assistente vocale Siri e dove verranno posizionati i vari controlli per il comando manuale del dispositivo.

All’interno di HomePod Mini è incluso anche il chip Ultra Wideband Apple U1, che permette un posizionamento preciso ed accurato anche all’interno di spazi chiusi, in quanto è in grado di misurare distanza e direzione in cui un altro chip dello stesso tipo è posizionato. L’utilizzo di questo chip in sempre più prodotti Apple permetterà lo sviluppo di moltissime funzioni legate alla casa smart, oltre a consentire di avvicinare il proprio iPhone dotato di chip U1 per ricevere le informazioni sulla musica in riproduzione e un feedback aptico (vibrazione prodotta da un apposito motore in risposta a un input esterno, ad esempio quando digitiamo i tasti della tastiera virtuale) a ritmo di musica.

Una tra le funzioni lanciate da Apple per HomePod Mini è Intercom, una specie di interfono grazie al quale è facile scambiare rapidi messaggi vocali tra HomePod Mini, iPhone, iPad e persino CarPlay. Siri, e quindi lo speaker smart, è in grado di riconoscere le voci dei vari utenti della casa per salvaguardare la privacy.

HomePod Mini sarà disponibile in prenotazione dal 6 novembre con spedizioni a partire dal 16 dello stesso mese nelle colorazioni Space Gray e White. Per il mercato statunitense il prezzo annunciato da Apple è di 99 dollari. Non sappiamo ancora se lo speaker questa volta riuscirà a mettere piede nel vecchio continente ma la nostra speranza è di poterlo provare e confrontare con i principali rivali, Google Nest Home Mini e Amazon Echo Dot, al più presto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Digital Euro: la Banca Centrale Europea ha avviato le consultazioni

next
Articolo Successivo

Facebook Messenger, in arrivo nuovo design e nuove funzionalità

next