Stop alla vendita di animali selvatici vivi nei mercati alimentari per evitare la diffusione di malattie infettive. È questa l’indicazione diffusa dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) alla luce anche degli sviluppi sulle indagini riguardanti il passaggio da animale a uomo del Covid-19. “Gli animali, in particolare quelli selvatici, sono la fonte di oltre il 70% di tutte le malattie infettive emergenti nell’uomo, molte delle quali sono causate da nuovi virus – spiegano gli esperti – I mammiferi selvatici, in particolare, rappresentano un rischio per l’emergere di nuove malattie”.

Le dichiarazioni si riallacciano al recente rapporto sulle origini della malattia in cui gli esperti dell’Oms hanno sottolineato che il mercato di Wuhan, la metropoli cinese in cui sono stati segnalati i primi casi, sembra essere stato uno dei punti della diffusione del virus alla fine del 2019.

Oltre alla sospensione delle vendite, l’organizzazione internazionale chiede anche il miglioramento delle norme igieniche in questi mercati tradizionali per ridurre anche la trasmissione da uomo a uomo, ad esempio tra commercianti e clienti. Chiedono inoltre norme per controllare l’allevamento e la vendita di animali selvatici destinati a finire sui banchi dei mercati per il consumo umano. E si chiede anche di formare ispettori veterinari per applicare queste nuove regole e rafforzare i sistemi di sorveglianza al fine di rilevare rapidamente nuovi agenti patogeni e lanciare campagne di informazione e sensibilizzazione per commercianti e clienti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Inghilterra riapre, ma Johnson avverte: “Ci saranno più morti. Calo di casi e vittime merito del lockdown non dei vaccini”

next
Articolo Successivo

Austria, si dimette ministro della Sanità: esaurito dalla pandemia. “Non voglio autodistruggermi”

next