“Ci abbiamo sperato senza mai perdere quella sana lucidità che dall’inizio della segnalazione abbiamo avuto, l’esser cauti”. Inizia così il messaggio a firma di Piera Maggio e Pietro Pulizzi pubblicato sulla pagina Facebook Missing Denise Pipitone Mp, quella “ufficiale” con gli aggiornamenti sul caso della bambina scomparsa a Mazzara del Vallo nel settembre del 2004. “Sono stati giorni difficili, pieni di tensione – scrivono i genitori di Denise -. Adesso continueremo nella nostra battaglia come abbiamo sempre fatto. Denise è diventata la figlia di tutta Italia e va cercata. Ringraziamo di cuore tutti per l’affetto e la vicinanza”.

Dopo tanti dubbi, adesso è arrivata infatti la certezza: il gruppo sanguigno di Olesya Rostova non coincide con quello di Denise Pipitone. É sfumata la speranza che la ventenne russa – che si è rivolta al programma Lasciateli parlare dell’emittente russa Tv1 per trovare la sua famiglia – fosse la bambina scomparsa misteriosamente da Marzara del Vallo nel 2004. A dare l’annuncio, nella serata di mercoledì 7 aprile, è stato l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale della mamma della piccola, Piera Maggio, che non ha partecipato alla trasmissione perché è “in convalescenza” dopo aver subito un intervento chirurgico. “Ci dispiace molto ma il gruppo sanguigno non coincide con quello di Denise“, ha annunciato il legale nel corso della puntata del talk show, registrata ieri pomeriggio. I risultati degli esami del sangue della giovane russa sono arrivati 24 ore fa per email all’avvocato Frazzitta, che aveva posto come condizione per partecipare al programma proprio il fatto di conoscere gli esiti dei test prima del suo intervento.

I GENITORI DI DENISE: Pietro Pulizzi & Piera Maggio.
cerchiamodenise.it
#DenisePipitone #Missing #Italia

Pubblicato da Missing Denise Pipitone Mp su Mercoledì 7 aprile 2021

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kim Kardashian entra per la prima volta nella classifica dei miliardari di Forbes: ecco a cosa deve l’aumento del suo patrimonio

next
Articolo Successivo

Uomini e Donne, Barbara De Santi tradita da Maurizio Guerci: “Pensavo si fosse sentito male, sono andata a casa sua e ho visto tutto”

next