Simona Ventura farà un programma legato alla cucina? “Il programma sarebbe già pronto per essere girato: è una collaborazione Rai Pubblicità, Rai Due. Spero si possa registrare a maggio per andare in onda a settembre-ottobre in una fascia che sarebbe le 12 della domenica…”. Non solo Discovery Simo, questa stagione con una nuova formula, ma anche la conferma di rumors che girano da tempo. E, ospite di Claudia Rossi e Andrea Conti a Programma, Simona ha parlato di Game of Games, il game show in onda il mercoledì su RaiDue. La conduttrice, dopo “The Voice Of Italy”, “Settimana Ventura” e “Fenomeno Ferragni”, dunque è su Rai Due con “Game of Games – Gioco loco”, ogni mercoledì in prima serata. Il format è nato nella stagione televisiva 2017/2018 sulla NBC con alla conduzione Ellen DeGeneres, poi è stato sviluppato anche in Brasile, Australia e Thailandia, per poi arrivare in Europa dove lo show è già stato trasmesso in Germania, Spagna e Portogallo. La versione italiana, prodotta da Blu Yazmine per Rai Due, vede giochi spettacolari studiati per mettere alla prova in ogni puntata 6 “Vip” affiancati da altrettanti concorrenti. Scopo della sfida arrivare al gioco finale e portare a casa il montepremi in palio. Terminati i 6 round di giochi preliminari a eliminazione diretta, i quattro vincitori accedono alla semifinale. Solo l’unico “sopravvissuto” avrà l’opportunità di aggiudicarsi il montepremi della puntata, ma a patto di superare la sfida contro il tempo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Simona Ventura: “Fedez? Ecco in che ruolo lo vedrei bene”

next
Articolo Successivo

San Patrignano, Andrea e Giacomo Muccioli querelano Netflix per la serie “San Pa”: “Nostro padre non era violento e omosessuale”

next