Sono iniziate le ricerche del meteorite caduto nella serata di lunedì 15 marzo a Temennotte, nel comune di Sant’Agapito vicino a Isernia. Grazie ai video del bolide raccolti dalla Rete Prisma, i ricercatori dell’Istituto Nazionale di Astrofisca hanno calcolato la traiettoria di caduta e l’area in cui potrebbe essere caduto il meteorite avvistato in gran parte del Centro-Sud.

La roccia, delle dimensioni di un pugno e pesante circa un chilogrammo, è di grande interesse per l’Inaf, che ha allertato la popolazione che si potrebbe unire agli scienziati per ritrovare il corpo celeste. Le ricerche proseguiranno anche nei prossimi giorni, con la speranza di trovare i frammenti del meteorite o forse la roccia intera.

Come si spiega sul sito dell’istituto, attraverso diverse immagini, è stato possibile ricostruire che il cosiddetto “meteoroide”, con una massa stimata di circa 2-3 chili, ha colpito l’atmosfera alla velocità di 14,6 km/s (circa 52.600 km/h), a un angolo di soli 6° dalla verticale: in pratica è arrivato quasi ortogonale alla superficie terrestre. Entrando in atmosfera ha iniziato a riscaldarsi e “ha generato attorno a sé una sfera di plasma – ossia gas ionizzato – che ha iniziato a brillare nel buio della notte generando il bolide” continua la ricostruzione dell’Inaf, firmata da Albino Carbognani. Il fireball ha percorso 61 km in atmosfera e si è spento alla quota di 19,8 km, quando la velocità era appena di 2,8 km/s. Dalla luminosità del bolide registrata dalla camera Prisma di Capua non risultano flare, vale a dire aumenti di luminosità: questo indica che il meteoroide si è consumato in modo progressivo, senza andare incontro a processi di frammentazione significativi. La durata complessiva della fase di fireball è stata di 5,3 secondi, poi è iniziata la fase di volo buio. Dai calcoli condotti dal team di Prisma, risulta che – al momento dell’estinzione del fireball – la massa residua del meteoroide era ancora di circa 1 chilo, equivalente ad una dimensione di circa 8 cm di diametro.

A circa 10 km dal suolo, prosegue la ricostruzione dell’Istituto di astrofisica, è stato investito da un forte vento con velocità di 100 km/h proveniente da nord-ovest, che lo ha fatto deviare in modo significativo dalla traiettoria originale portandolo a cadere nell’area dell’abitato di Temennotte, circa 4,5 km a sud-ovest di Isernia.

Gli esperti di Prisma comunque fanno appello alla popolazione per segnalare “qualsiasi roccia ricoperta da una patina molto scura dai bordi smussati che dovessero notare”. L’email di riferimento è quella del Project Office di Prisma: prisma_po@inaf.it.

Come spiega sempre l’Inaf, in caso di presunto ritrovamento, ci sono delle regole da seguire. Primo: scattare una fotografia della sospetta meteorite senza raccoglierla, per documentare la sua posizione sul terreno. Secondo: annotare la posizione utilizzando il Gps dello smartphone. Terzo: non usare un magnete per verificare l’eventuale presenza di ferro perché “si rischia di cancellarne il possibile campo magnetico residuo fossile. Ci sono tante rocce terrestri ricche di ferro, quindi l’uso di una calamita non è un test valido per discriminare fra meteoriti e rocce terrestri”. Quarto: le meteoriti non sono pericolose per la salute, ma bisogna evitare di toccarle con le mani per non contaminarle, per la raccolta usare i guanti. Quinto: una volta fotografata e segnata la posizione Gps la meteorite va avvolta in un panno di cotone pulito, messa in un vasetto di vetro e consegnata ai ricercatori di Prisma in modo che possa essere analizzata dal punto di vista scientifico. E chi trova il meteorite, dopo le analisi scientifiche, potrà riprenderselo come soprammobile spaziale.

L’immagine è una rielaborazione Prisma/Inaf

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La scuola è tra i luoghi meno a rischio contagio? Io ho i miei dubbi

next
Articolo Successivo

Ecco la nuova foto del buco nero nella galassia M87. Gli scienziati: “Campi magnetici sull’orizzonte degli eventi”

next