In esclusiva per ilfattoquotidiano.it pubblichiamo un estratto de La mano invisibile – Come il Partito Comunista Cinese sta rimodellando il mondo (Fazi Editore), nelle librerie dal 25 marzo 2021. In anteprima italiana un paragrafo dal capitolo dodici (La gestione del pensiero: l’influenza del PCC nell’università occidentale) in cui gli autori, i giornalisti australiani Clive Hamilton e Mareike Ohlberg, descrivono le fitte attività di lobbying e di pressione politica degli Istituti Confucio, istituiti nel 2004 per la diffusione all’estero della lingua e cultura cinese e “come modo inoffensivo di diffondere la narrazione del Partito e allo stesso tempo anche per riuscire ad accedere alle università estere”.

[…] Le ingerenze degli Istituti Confucio nella libertà accade­mica, nella libertà di espressione e altri diritti della persona sono state documentate anche in un gran numero di altri paesi. Uno dei casi più ignobili si verificò in occasione del­la conferenza annuale del 2014 dell’European Association of China Studies, in Portogallo, sponsorizzata dall’Hanban (ufficio del Ministero dell’Istruzione cinese a cui fanno capo gli Istituti Confucio, ndr) e dalla fondazione Chiang Chingkuo di Taiwan. Scontento perché nel programma della conferenza era menzionata quella fondazione e altre organizzazioni taiwanesi, il diret­tore generale dell’Hanban, Xu Lin, impose di requisire tutti i programmi stampati e di strappare la pagina incrimi­nata. L’incidente traumatizzò i partecipanti alla conferenza, ma non ci fu alcuna ricaduta sull’Hanban né sugli Isti­tuti Confucio in Europa.

La censura non è ignota in altri lavori promossi dagli Istituti: gli argomenti legati alle “tre T”, ossia Taiwan, Ti­bet e Tienanmen, sono esclusi da qualsiasi discussione nella maggior parte degli Istituti Confucio. La giornali­sta Isabel Hilton si accorse che un suo articolo scritto per un volume sponsorizzato da un Istituto Confucio era sta­to tagliato: il pezzo mancante parlava di un ambientalista cinese.

Gli Istituti Confucio sono stati coinvolti in attività di lobbying svolte dietro le quinte al fine di cancellare eventi pubblici. Così è stato a Melbourne, nel 2018, per un do­cumentario che criticava proprio tali enti, la cui proiezio­ne venne cancellata dalla Victoria University, che inizial­mente aveva prestato uno dei suoi teatri proprio a tale scopo. Dapprima l’università fu avvisata dal direttore dell’Istituto Confucio presente nel campus, il professore Colin Clark, che c’era un problema da risolvere, e poi ce­dette quando il consolato cinese fece pressioni ulteriori; alle richieste di chiarimento da parte del finanziatore del video, l’università rispose con una menzogna, sostenendo che per sbaglio il teatro era stato prenotato per due eventi diversi e non ce n’era nessun altro disponibile. Il giorno previsto, però, una serie di spazi altrettanto adatti risulta­vano vuoti. La considerazione ironica non andò sprecata: un documentario, la cui tesi era che gli Istituti Confucio esercitino una pressione politica su chi li ospita, fu messo al bando proprio a seguito della pressione politica eserci­tata da un Istituto Confucio sull’ente che l’ospitava. Il co­dice di condotta della Victoria University dichiara che l’università è «un luogo di apprendimento e di pensiero indipendente, dove poter avanzare idee e opinioni argo­mentate, espresse in piena libertà, pur mantenendo il ri­spetto per gli altri».

Nel 2013 il prestigioso ateneo di Sydney fu accusato di aver cancellato una visita del Dalai Lama per non guastare i legami che aveva con la Cina, compreso il finanziamento ri­cevuto per il suo Istituto Confucio. Quando quell’evento fu respinto fuori del campus e venne proibito l’uso del logo dell’ateneo, il vicecancelliere Michael Spence disse che tut­to ciò era fatto «in vista del miglior interesse dei ricercatori di tutta l’università». Quasi cinque anni dopo lo stesso Spence disse che le affermazioni del governo e dei giornali sull’influenza del Partito comunista cinese (Pcc) in Australia non erano che «ciance si­nofobe», a cui fece seguire l’anno dopo l’accusa, nei con­fronti di chi esprimeva preoccupazione per l’influenza del Pcc, di voler ripristinare la politica australiana della prima metà del Novecento, che consentiva l’immigrazione dei soli europei.

© 2020 Clive Hamilton and Mareike Ohlberg

First published by Hardie Grant Books, Australia

© 2021 Fazi Editore srl

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni in Israele, exit poll: “Il Likud di Netanyahu primo partito, ma fronte anti premier raggiunge 59 seggi”

next
Articolo Successivo

Cina, il Partito comunista e la “feroce guerra ideologica contro l’Occidente”. Così Pechino punta all’egemonia mondiale

next