Produci, consuma, crepa. Il paradiso per sottrazione (Alter Ego) di Daniele Trovato è il romanzo più spiazzante, cinico, devastante dell’anno. Così ad occhio si mangia letterariamente i cannibali e la loro fuffa esistenziale anni novanta e va a solleticare i punti giusti di soverchiante inadeguatezza del vivere di Sartre (La morte nell’anima) e Celine (sì, il solito romanzo di Celine). Mago delle analisi finanziarie bancarie suo malgrado per lavoro, casseur durante le manifestazioni di piazza, Marco Bezzi, ossa sporgenti, passamontagna e pc nello zaino, fidanzata amorevole che gli prepara estratti biologici, origini proletarie e quartiere popolare dove torna a vivere, amici spacciatori e vicini bordeline, organizza con un ridottissimo gruppo di anarchici rapide devastazioni di simboli dello sfruttamento negli scontri con la polizia. Poi un compagno, suo cugino, muore in galera dopo un pestaggio disumano della celere effettuato sotto i suoi occhi e quelli di una videocamera. Mentre Marco sale di grado in azienda (e gli altri vengono licenziati in massa per esternalizzazione), forse ha trovato lo sbirro assassino e la vendetta pare dietro l’angolo. 400 pagine di una compattezza e lucidità di scrittura che fanno spavento, una prima persona incastrata nell’incubo ad occhi aperti di una febbrile insonnia frutto di uno “stato di coscienza che non accenna a disperdersi”, una scafata dinamicità nel costruire parallele e rassicuranti sottotrame di riequilibrio socio-psicologico tra i protagonisti, Il paradiso per sottrazione è di quelle opere antiborghesi fino al midollo che mette a nudo il sottofondo ribelle di giustizia sociale che giace (non per tutti) nel fondo dell’anima e costringe all’agire. Ed il bello è che Bezzi, pur nella sua pugnace e totalizzante azione distruttrice, trema come una foglia di fronte al pericolo. “Noi siamo il colpo e la fuga (…) Noi riconosciamo il conflitto sociale, lo accettiamo come potenziale dinamica di progresso (…) Ci confondono col male, mentre noi siamo il sintomo, rendiamo il morbo manifesto al corpo che si credeva sano”. Voto: 8e 1/2 (politico)

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti a La seduta spiritica, Le cose possono cambiare, Il paradiso per sottrazione

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tutti i luoghi di Firenze in cui si può incontrare Dante: dal ritratto ritrovato nell’ex lavanderia alle terzine da cercare sui muri della città

next
Articolo Successivo

Premio Strega 2021: ecco i finalisti. Gruppo Mondadori verso la vittoria con Ciabatti o Di Pietrantonio

next