Pietro Castellitto in diretta ad FQMagazine.it per presentare il suo Francesco Totti della miniserie Sky, Speravo de morì prima, in onda dal 19 marzo 2021, ha ricordato la sfortuna accaduta al suo primo film da regista, I predatori, che è uscito alla fine di ottobre pochi giorni prima la chiusura nazionale delle sale italiane a causa del Covid19. “Era un film pensato per il cinema, peccato. Uno dei problemi oggi è che quando qualcuno fa un film per cinema non pensa più al grande schermo. Non curi più alcuni aspetti. Devi pensarci, è sano, devi meritartela la sala. Ci sono molti film che non si meritano manco l’iPhone… e sono film italianissimi”. Rivedi la diretta qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Akash Kumar, il modello che partecipa a diversi programmi tv ogni volta con un nome diverso: chi è?

next
Articolo Successivo

“Speravo de morì prima”, Pietro Castellitto: “Totti ha unito tutti i tifosi di calcio, anche gli juventini” – Video

next