“Se Totti non fosse stato romano una certa strafottenza calcistica non l’avrebbe avuta”, parola di Pietro Castellitto che ha interpretato il campione della Roma nella miniserie Sky, Speravo de morì prima in onda da venerdì 19 marzo 2021. “Certi colpi di tacco, certi passaggi di prima. Era così strafottente perché era romano. Molti tifosi della Roma attraverso Totti si sentivano nobilitati”, ha spiegato l’attore 29enne durante l’intervista al FQMagazine.it. “Totti è una figura che unisce tutti i tifosi anche juventino. L’addio al calcio di Totti ha fatto per tutti da paciere travalicando le fedi calcistiche”. Rivedi la diretta qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pietro Castellitto, il Totti di ‘Speravo de morì prima’: “La sala cinematografica la devi meritare. Molti film italiani non meritano manco l’iPhone”

next
Articolo Successivo

Dritto e Rovescio, Flavio Briatore all’attacco: “Non possiamo avere ministri che pensano con la testa dei tedeschi”

next