E’ stato bullizzato, picchiato e ha subito un tentativo di rapina da parte di un gruppo di coetanei. Vittima un 13enne di Trento che alla fine di gennaio si è presentato alla Questura di Trento insieme al padre e ha raccontato alla Squadra Mobile di essere stato fermato all’uscita da scuola da alcuni minorenni, conoscenti e non, che gli hanno intimato di seguirli con percosse e minacce. Nascosti in una rampa di accesso a un garage, i ragazzini hanno iniziato a picchiare la vittima e a cercare eventuali soldi nel suo zaino e, insoddisfatti del bottino, gli hanno sequestrato il telefono e chiesto denaro per riaverlo. Le violenze sono finite quando una passante, sul lato opposto della strada, ha sentito la vittima invocare aiuto ed è intervenuta in sua difesa. I giovani aggressori, intimoriti dall’adulto si sono rapidamente dileguati lasciando il telefono al suo proprietario.

Ricevuta la denuncia e le dichiarazioni della testimone, gli investigatori della Squadra Mobile hanno controllato le telecamere nell’area dell’aggressione, ottenendo i filmati che hanno portato alla conferma di quanto detto dalla vittima e al riconoscimento degli aggressori. Sono stati individuati cinque ragazzi, di cui due quindicenni e tre al di sotto di quattordici anni, che hanno partecipato all’aggressione e al tentativo di rapina. Per uno dei cinque, un quindicenne risultato colpevole anche di altri fatti violenti nei confronti di diversi minori, è stata applicata ieri una misura restrittiva dell’obbligo di domicilio. Inoltre, all’inizio di marzo, il quindicenne ha nuovamente minacciato la vittima, al punto da rendere necessario l’intervento di una volante per scongiurare una eventuale aggressione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata della memoria delle vittime del Covid, Draghi: “Il Paese vuole rialzare la testa e ripartire. Lo Stato c’è e ci sarà”

next
Articolo Successivo

Draghi a Bergamo, i familiari delle vittime del Covid: “Le passerelle le abbiamo già avute, ora ascoltateci. Dopo un anno non è cambiato nulla”

next