Alla vigilia della settimana in cui sarebbe dovuta scadere l’offerta vincolante di Cassa depositi e prestiti per Aspi (ma il termine è stato prorogato al 27 marzo) Sabrina Benetton, figlia di Gilberto, ha lasciato il cda di Atlantia in cui sedeva come consigliera non esecutiva da ottobre 2019. Le dimissioni, spiega una nota, sono maturate “anche alla luce degli accadimenti (recenti e meno recenti) relativi alla controllata Autostrade per l’Italia S.p.A. e al disagio, anche reciproco, che, in considerazione delle complesse tematiche agli stessi sottese, la mia posizione di azionista di rilievo del socio di maggioranza relativa della Società, necessariamente determina”. Il riferimento è chiaramente alla gestione del gruppo prima e dopo il crollo del ponte Morandi che ha fatto 43 vittime e a quello che sta emergendo nell’ambito delle inchieste di Genova.

Nei giorni scorsi l’ad di Atlantia Carlo Bertazzo, ricordando che è in corso una “negoziazione con il consorzio di Cdp con l’obiettivo di migliorare la componente economica e le condizioni” dell’offerta su Aspi, ha anche aperto a una trattativa alternativa con gli spagnoli di Acs.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alibaba, maxi multa in vista. Il governo di Pechino non molla la presa sul colosso cinese dell’e-commerce

next
Articolo Successivo

Cina, la ripresa economica si rafforza: nei primi due mesi dell’anno volano la produzione industriale (+ 35%) e i consumi (+34%)

next