Per l’Invention Test di ieri, a MasterChef Italia, l’ospite arrivato in cucina era Riccardo Canella, il sous chef del “Noma”, a Copenaghen, nonché responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo del Ristorante più famoso al mondo. Con sé, Chef Canella aveva alcuni ingredienti molto particolari che rappresentano il futuro della cucina internazionale. A Monir sono capitati garum di alette di pollo insieme ad aghi e olio di abete e pigne candite: lo sguardo sconsolato e malinconico dell’aspirante chef era fin troppo esplicito. Necessario l’intervento di Bruno Barbieri per caricare il concorrente.

Immagini concesse da Sky in onda ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno e NOW TV, sempre disponibile on demand

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Masterchef Italia, Irene è in un “brodo di giuggiole” ma non è merito solo degli ingredienti…

next
Articolo Successivo

Masterchef Italia, l’ultima prova in esterna è nel ristorante tristellato: ecco chi è il primo finalista della decima edizione

next