Un Invention Test, ieri sera, pieno di ingredienti che rappresentano il futuro della cucina internazionale, portati a MasterChef Italia da Riccardo Canella, il sous chef del “Noma”, a Copenaghen, nonché responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo del Ristorante più famoso al mondo. La concorrente più felice per questa prova era Irene, a suo dire «in un’estasi infinita» con ingredienti piuttosto insoliti come olio di legno di ribes nero e le sue gemme e olio di rosa… ma forse non era solo merito della ricetta.

Immagini concesse da Sky in onda ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno e NOW TV, sempre disponibile on demand

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Pupa e il Secchione, vincono Luca e Miryea: ecco chi sono

next
Articolo Successivo

Masterchef Italia, Monir disperato alle prese con gli ingredienti del futuro: Barbieri lo carica così

next