Gwyneth Paltrow è finita nell’occhio del ciclone, scatenando l’ira dei medici britannici e del Nhs, il servizio sanitario del Regno Unito. L’attrice infatti – reduce dal Covid – sostiene di aver sperimentato su se stessa una cura miracolosa a base di prodotti naturali contro il virus. La Paltrow promuove da diverso tempo la medicina alternativa sul suo sito Goop e ha consigliato di curare la degenza post Coronavirus con beveroni a base di erbe, digiuno intuitivo e sauna a raggi infrarossi. Tra i suoi consigli anche una dieta a base di kombucha e kimchi, tè e cavolo fermentati. Naturalmente non può mancare l’integratore del suo brand (ovvio) Madame Ovary.

“Ho avuto il Covid all’inizio e mi ha lasciato affaticamento, spossatezza e un senso di annebbiamento mentale. – ha dichiarato la star – A gennaio, alcuni test hanno mostrato livelli molto alti di infiammazione nel mio corpo”. Da qui il ricorso alla medicina alternativa per riprendersi: “Tutto quello che sto facendo mi fa stare meglio, come se fosse un regalo per il mio corpo. Mi alleno la mattina e faccio la sauna a infrarossi il più spesso possibile, voglio guarire!”.

Queste dichiarazioni hanno fatto infuriare i medici britannici e il professor Stephen Powis, direttore del Servizio sanitario britannico (Nhs). “Sono soluzioni non raccomandate – ha tuonato Powis -. Dobbiamo prendere gli effetti a lunga scadenza del Covid lungo e applicare metodi scientifici. Tutti gli influencer che utilizzano i social media hanno il dovere di essere responsabili al riguardo”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giancarlo Morelli, lo chef: “Sanguinante, accartocciato sulla transenna a fondo pista. Così ho sfiorato la morte sugli sci”

next
Articolo Successivo

Olga Mascolo, la giornalista: “Il mio cervello lo sapeva già che mi stavo ammalando di Covid”

next