di Lorenzo Giannotti

Abbandoni, scissioni, espulsioni e molti malumori. Dopo la crisi del Conte II e la conseguente nascita del Governo Draghi, il Movimento 5 Stelle appare la forza politica più scossa e disorientata del panorama politico. Cacciati coloro i quali non volevano governare insieme a Matteo Salvini, Matteo Renzi e Silvio Berlusconi in un sol colpo, si va delineando il nuovo organigramma dei vertici dirigenziali. Dopo il voto su Rousseau in favore della leadership condivisa, viene congelato tutto e resta in capo il sempiterno reggente Vito Crimi, con la rivoltella in mano ancora fumante per le recenti estromissioni multiple perpetrate con la naturalezza del boia.

Cioè: quando c’è da graziare Salvini dai processi si fanno mille distinguo, ma quando bisogna giustiziare parlamentari con una stilla di senso del pudore ancora in corpo si seguono zelantemente tutti i regolamenti interni. Per farla breve: l’unica possibilità di sopravvivenza per i grillini è affidare la guida a Giuseppe Conte, che gli restituirebbe un alone di credibilità e farebbe dimenticare a tanti elettori le ultime clamorose giravolte.

Per chi scrive, però, l’ex Presidente del Consiglio dovrebbe gentilmente declinare l’offerta e andare avanti per la propria strada. Ricordandosi di quando il Movimento era “o Conte o morte”, salvo poi scoprire che Mario Draghi è meglio della pace eterna. In più, prendere le redini di un partito al collasso, in caduta libera da tempo, e condividere l’indirizzo politico con un garante (alla fine, quando c’è da decidere è Beppe Grillo che fa la voce grossa) le cui ultime scelte paiono prive di lucidità – pur di stare al governo, si inventa Draghi grillino e tira fuori dal cilindro fantomatici ministeri – mi pare una mossa azzardata per un personaggio politico che conserva per ora ancora un’alta popolarità, ma che è trasversale e non unicamente pentastellato.

Non so quali siano le reali prospettive di un partito di Conte: di sicuro non lo vorrebbero né il Pd né i 5Stelle, dal cui bacino elettorale l’ex premier “ruberebbe” sicuramente in maniera cospicua, così come da quello degli astensionisti. L’unico a non rischiare nulla sarebbe Matteo Renzi: in quanto, secondo un’elementare logica, per rubare qualcosa a qualcuno bisogna necessariamente che la vittima del ladrocinio possieda l’oggetto del desiderio del rapinatore.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’offerta Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un’offerta volontaria. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio: “Sarei molto felice di un passo avanti di Conte nel M5s. Ora siamo una forza moderata e liberale all’interno dell’Ue”

next
Articolo Successivo

Governo Draghi, coi sottosegretari si certifica la sconfitta dell’Italia

next