Unita, sigla che sta per Unione nazionale interpreti teatro e audiovisivi, ha organizzato in diverse città d’Italia l’iniziativa “Facciamo luce”, mobilitazione fortemente simbolica per riaccendere le luci nelle sale di tutta Italia e chiedere una riprogrammazione ragionata della ripartenza. La data non è casuale: il 22 febbraio 2020 è l’ultimo giorno in cui i teatri furono aperti senza restrizioni. Poi arrivò la chiusura per il lockdown. A Milano hanno aderito tutte le istituzioni, pubbliche e private: ciascuna a modo suo, pronte a sconfiggere il buio garantendo il rispetto delle regole. “Non siamo più fantasmi – racconta Andrée Ruth Shammah, direttrice del teatro ‘Franco Parenti’ di Milano -. E con l’accensione delle luci da questa sera usciamo dal buio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il 23 febbraio la Cultura scende in piazza: gli artisti da soli non bastano

next
Articolo Successivo

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti a La valle al centro del mondo, L’arte di legare le persone, Il nodo magico

next