di Massimiliano Verona

Tra le notizie che più mi hanno colpito, c’è un articolo de ilfattoquotidiano.it, di Chiara Brusini, che parla di salario minimo. Riparlare di quella che io considero una legge di civiltà, riapre una ferita profonda nel mio senso di giustizia e di equità sociale.

Partendo dall’assunto che qualunque lavoro, anche il più umile, dovrebbe avere un salario minimo, stabilito per legge, al di sotto del quale non è possibile andare, quello che lascia esterrefatti è che i più feroci detrattori di una legge di questo tipo siano proprio le rappresentanze sindacali.

Dal loro punto di visto si creerebbero le condizioni per eliminare la contrattazione nazionale, livellando verso il basso gli stipendi.

Questa è una della cose più false mai sentite. Semmai succederebbe il contrario: le contrattazioni partirebbero sempre da una base stabilita per legge e questo faciliterebbe di molto le trattative.

Le posizioni di Mario Draghi su quest’argomento sembrano propendere per la contrattazione aziendale, che di fatto è una ricetta fallimentare. Perché solo i dipendenti delle grandi multinazionali, con una rappresentanza sindacale presente in azienda, vedrebbero tutelati i loro diritti, mentre le cosiddette PMI, vera spina dorsale del nostro tessuto economico in cui non sempre le mansioni sono di alto profilo professionale, avrebbero una forza lavoro a bassissimo costo.

Intanto la commissione europea consiglia, ma non impone (non sia mai!) il salario minimo agli Stati che non l’abbiano ancora adottato. Tra i 27 soltanto 6 non hanno ancora questa normativa: Austria, Danimarca, Finlandia, Svezia, Cipro e Italia.

Seppur tra differenze nelle politiche sociali dei vari stati, spicca la Germania che porterà il salario minimo entro il 2022 tra gli attuali 9,35€/h a 10,45€/h.

Questa battaglia dovrebbe essere combattuta in modo trasversale da tutte le forze politiche. Perché la dignità di un lavoratore passa innanzitutto dal suo salario. Che deve essere equo e dignitoso, per creare una società dove la ricchezza venga finalmente redistribuita e la forbice tra ricchi e poveri sia meno ampia.

Cosa che purtroppo il neo liberismo senza regole non prevede.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il lockdown non è l’unica via. Ecco come convincere le persone a seguire le regole

next
Articolo Successivo

Schifezze tra i commenti social per il vaccino alla senatrice Liliana Segre. Aperta inchiesta, la polizia postale a caccia degli autori

next