di Andrea Marchina

Nel delirio generale dell’attuale situazione politica italiana, due sono le certezze: il movente del delitto perfetto ai danni del governo uscente abbattuto in quanto colpevole, al netto degli errori commessi, di aver sostenuto battaglie troppo popolari; e il prestigioso curriculum del successore, Mario Draghi, lungi dall’essere apparso dal nulla un martedì sera qualunque e anzi invocato per mesi dal mondo della (dis)informazione e dagli esecutori politici dell’operazione anti-Conte, uno su tutti.

Certo, la santificazione a reti e edicole unificate del Professore, partita a razzo prima ancora di vedere uno straccio di programma o una lista di ministri, rischia di scontrarsi con qualche scheletro nell’armadio che anche lui, come tutti, custodisce. O se non vogliamo parlare di scheletri, diciamo che qualche ossicino glielo si trova. Basterebbe avere un’informazione che ogni tanto si svegli con la voglia di fare il suo lavoro, cioè informare.

Ma il problema è molto più pratico. Ragioniamo per assurdo: il Conte bis è caduto perché incompetente e senza una visione per il futuro, perché il Recovery Plan era carta straccia neppure degno di essere migliorato, perché il premier non voleva cedere la delega ai Servizi Segreti (che ha ceduto) e perché non voleva prendere il Mes (che adesso non serve più perché nemmeno Draghi lo vuole). Insomma, Draghi è stata una scelta obbligata, che nessuno si aspettava, spuntata dal cilindro di un Capo dello Stato Mattarella disperato che, facendo di necessità virtù, ha riportato sulla terra il Salvatore. Applausi.

E adesso? Pensano davvero tutti i partiti che fino a ieri si scannavano tra i banchi della maggioranza e quelli dell’opposizione, quei partiti che non sono nemmeno riusciti a fingersi collaborativi durante la pandemia, quei partiti che, legittimamente, ci hanno sempre presentato visioni del mondo opposte, pensano davvero di farci credere che, riuniti come gli apostoli attorno al Messia, tutto ciò che è stato era pura finzione e che la realtà è un’altra: una grande famiglia che collabora responsabilmente per il bene del Paese?

I più onesti (o imbarazzati) ci evitano questo teatrino e giustificano la grande ammucchiata come necessaria alle urgenze del Paese: contenimento della pandemia, piano vaccinale e completamento del Recovery Plan. Un momento, Recovery Plan? Cioè mettere insieme una lista infinita di riforme, con una visione organica e coerente per rilanciare l’economia e investire sul futuro delle prossime generazioni? E rimangono seri mentre lo dicono?

Come se non fosse abbastanza quel che abbiamo visto fin qui, ve li immaginate gli oppositori delle grandi opere-mangiatoia (tipo il Tav) che mediano con gli ultrà di qualsiasi mangiatoia, purché si mangi? Ve li immaginate quelli dei fondi pubblici alla sanità pubblica che cercano di convincere quelli dei fondi pubblici alla sanità privata, del modello Lombardia, dei tagli criminali a personale sanitario e medicina sul territorio, dei medici di base inutili? Ve li immaginate quelli del blocca-prescrizione che si fanno spiegare come riformare la giustizia da chi vuole processi infiniti per poterla usare, la prescrizione? Ve li immaginate quelli del salario minimo seduti al fianco di chi si è detto invidioso del costo del lavoro in Arabia Saudita? E che dire di quelli delle infrastrutture pubbliche mentre decidono di revocare la concessione ai Benetton insieme agli amici dei Benetton? Ve li immaginate?

Ecco, io ho deciso di non immaginare nulla di tutto ciò, perché forse rischierei di riuscirci.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Draghi, il governo “dei competenti”? Con il manuale Cencelli. I ministri: 15 politici e 8 tecnici. Quattro del M5s, 3 di FI, Pd, Lega. Uno per Iv e Leu. Le novità: Cingolani e Colao a ecologia e digitale

next