Aprono la seconda e la terza carica dello Stato, chiudono i 5 stelle. In mezzo un giorno dedicati ai cosiddetti “piccoli”: il gruppo Misto di Camera e Senato, dal quale potrebbero arrivare i voti per creare un nuovo governo, e Italia viva, che invece questa crisi l’ha provocata. Dopo le dimissioni del premier Giuseppe Conte, l’ufficio stampa della Presidenza della Repubblica ha comunicato il calendario delle consultazioni. Sergio Mattarella ha infatti accolto le dimissioni del presidente del consiglio ma si è riservato. Vuol dire che prima di affidare un eventuale nuovo incarico a Conte o a un altro aspirante presidente del consiglio, il capo dello Stato vuole capire che margini di manovra ci sono. E per farlo ha dato l’avvio alle sue consultazioni. Cominceranno nel pomeriggio del 27 gennaio, dopo le celebrazioni del Giorno della Memoria, e si concluderanno la sera del 29 gennaio, dopo una pausa venerdì mattina dovuta all’inaugurazione dell’anno giudiziario. A causa del Covid, tra l’altro, le dichiarazioni dei gruppi dopo gli incontri col presidente in diretta streaming sui canali web del Quirinale.

Quello che comincia oggi è nono giro di consultazioni varato da Mattarella da quando è stato eletto presidente della Repubblica nel gennaio del 2015. Il capo dello Stato ha presenziato a un giro di incontri con i partiti nel dicembre del 2016, quando Matteo Renzi si dimise e a Palazzo Chigi andò Paolo Gentiloni. Servirono 88 giorni, cinque giri di consultazioni, due mandati esplorativi ai presidenti di Camera e Senato, due incarichi a Conte (uno rimesso a causa della decisione di nominare Paolo Savona ministro dell’Economia) per risolvere la crisi nata dopo le politiche del 2018, e varare il governo gialloverde. Nell’agosto del 2019, invece, il governo Conte 2 giurò dopo soli due giri di consultazioni, compiute alla fine di agosto dopo la rottura dell’alleanza tra Lega e M5s.

Ecco il calendario:

Mercoledì 27 gennaio (pomeriggio)
– ore 17:00: Presidente del Senato della Repubblica, Sen. Avv. Maria Elisabetta Alberti Casellati.
– ore 18:00:Presidente della Camera dei deputati, On. Dott. Roberto Fico.
Giovedì 28 gennaio (mattina)
– ore 10.00: Gruppo Parlamentare “Per le Autonomie (SVP-PATT, UV)” del Senato della Repubblica.
– ore 10.30-12.30 e ore 16.00-16.45: Rappresentanti dei gruppi Misti del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati.
Giovedì 28 gennaio (pomeriggio)
– ore 16.45: Gruppo Parlamentare “Liberi e Uguali” della Camera dei deputati
– ore 17.30: Gruppi Parlamentari Italia Viva – PSI del Senato della Repubblica e Italia Viva della Camera dei deputati
– ore 18.30: Gruppi Parlamentari “Partito Democratico” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati
Venerdì 29 gennaio (pomeriggio)
– ore 16.00: Gruppi Parlamentari “Fratelli d’Italia” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, gruppi Parlamentari “Forza Italia – Berlusconi Presidente – UDC” del Senato della Repubblica e “Forza Italia Berlusconi Presidente” della Camera dei deputati, gruppi Parlamentari “Lega – Salvini Premier” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati, rappresentanti delle componenti “Idea e Cambiamo” del Gruppo Misto del Senato della Repubblica e “Noi con l’Italia – USEI – e Cambiamo” del Gruppo Misto della Camera dei deputati
– ore 17.00: Gruppi Parlamentari “Movimento 5 Stelle” del Senato della Repubblica e della Camera dei deputati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dimissioni Conte, finito il Truman show grazie all’unico protagonista reale: Matteo Renzi

next
Articolo Successivo

Senato, è nato il gruppo degli Europeisti che si muove per sostenere Conte: chi sono

next