Kamala Harris, Jill Biden, Lady Gaga, Michelle Obama, Jennifer Lopez, e ancora Hillary Clinton e Amanda Gorman. Sono state loro le vere protagoniste della cerimonia di insediamento del 46esimo presidente degli Stati Uniti, Joe Biden. Con i loro look hanno mandato messaggi ben precisi, dal cappotto viola della nuova vicepresidente a quello in tweed ceruleo della nuova first lady, fino alla vistosa spilla dorata di Lady Gaga. Ecco nel dettaglio tutti i loro look e i significati nascosti.

JILL BIDEN – La nuova “Flotus” (First Lady of the United States, ndr) è diametralmente opposta alla sua predecessora Melania Trump, anche se per questa occasione ha scelto di indossare una sfumatura di blu oceano molto simile a quella sfoggiata dall’ex modella quattro anni fa. Un colore non casuale: vuole infatti comunicare fiducia, sicurezza e stabilità. Jill Biden ha scelto di indossare un completo firmato Markarian e disegnato dalla stilista emergente newyorkese Alexandra O’Neill: un brand fortemente orientato verso la sostenibilità, con tutti i capi realizzati su ordinazione per ridurre gli sprechi. Si tratta di un cappotto cappotto ceruleo in tweed di lana con rever a contrasto, coordinato con un abito dal corpetto di chiffon e gonna smerlata, impreziosito sullo scollo da un ricamo fatto di perle e cristalli Swarovski. A completare il look una mascherina della tessa tonalità e guanti in pelle. Il tutto accompagnato da un make up essenziale, assolutamente naturale, con fondotinta a prova di flash, occhi ben definiti ma assolutamente non appesantiti e rossetto rosa antico a prova di protocollo reale. Anche i capelli erano composti con una piega molto semplice, a spazzola, vaporosi e senza tempo. Ai piedi décolleté con tacchi alti di Jimmy Choo in una tonalità di blu simile.

LADY GAGA – Anche nella più formale di tutte le occasioni formali, Lady Gaga è riuscita a distinguersi. D’altra parte, farsi notare è sempre stato il suo forte. Questa volta però, miss Germanotta ha voluto usare il suo look per mandare un messaggio ben preciso, come lei stessa ha rivelato in un tweet. Ma andiamo con ordine. La popstar ha sfoggiato un vaporoso e imponente abito con un’ampia gonna a campana rosso fuoco e corpetto nero aderente impreziosito da una vistosa spilla dorata a forma di colomba con tanto di ramoscello d’ulivo nel becco. Tutto disegnato da Daniel Roseberry per Schiaparelli Haute Couture. Proprio il dettaglio della spilla è cruciale: la colomba è infatti simbolo di pace, un messaggio forte e coerente con quello lanciato da Joe Biden nel suo discorso, in cui ha rivolto numerosi appelli all’unità della Nazione. “Possiamo tutti far pace gli uni con gli altri – ha spiegato sul social la cantante -. La mia intenzione è riconoscere il nostro passato, curare il nostro presente e appassionarci a un futuro in cui lavoriamo insieme amorevolmente”. A rendere ancora più di impatto il suo look è stata l’acconciatura assai particolare, una treccia posticcia a mo’ di coroncina intrecciata a sua volta con un nastro di raso nero, il tutto decorato da un mazzolino di roselline sulla nuca. Infine, un rossetto rosso fuoco in pendant con la gonna e trucco anni Cinquanta.

KAMALA HARRIS – Già passata alla storia come la prima donna, oltretutto di colore e di origine asiatica, ad esser stata nominata vicepresidente degli Usa, Kamala Harris ha conquistato la scena con un total look viola brillante. Anche qui il colore è tutt’altro che casuale: è un chiaro segnale di bipartitismo, in quanto unione del blu e del rosso, i due colori simbolo di repubblicani e democratici; ma è anche un suo tratto distintivo. Durante la sua campagna elettorale Kamala Harris ha fatto del viola il suo colore ufficiale, un omaggio a Shirley Chisholm, la prima donna nera eletta al Congresso e la prima candidata nera alla presidenza. Per questa occasione, ha sfoggiato un tailleur pantalone abbinato a una mascherina nera, tutto realizzato dagli stilisti Sergio Hudson e Christopher John Rogers, quest’ultimo vincitore del CFDA Awards come miglior “black designer” nonché favorito delle popstar Lizzo e Zendaya. A illuminare l’outfit, l’immancabile collana di perle di Wilfrido Rosado che si dice sia stata disegnata da Karla Welch: la Harris indossa sempre, un simbolo, anche, di empowerment femminile (si veda la regina Elisabetta).

MICHELLE OBAMA – L’iconica ex first lady ha sfoggiato un total look rosso porpora con cappotto, pantaloni fluidi a palazzo e maglia a collo alto. La maxi cintura è il vero tocco di stile. A vestirla è stata Sergio Hudson, lo stesso stilista che si è occupato del look della vicepresidente Kamala Harris. Michelle è apparsa raggiante, con una messa in piega “boccolosa” che lanciava un messaggio preciso: sono libera, potente, e, perché no, anche molto femminile. D’altra parte il nuovo ruolo di influencer (nel senso più ampio del termine) acquisito dopo la presidenza del marito Barack le ha consentito di abbandonare quell’ordine e rigore tenuti durante gli anni alla Casa Bianca per concedersi più femminilità e autenticità, senza nascondere le sue forme con tessuti rigidi o lisciare continuamente i capelli afro.

JENNIFER LOPEZ – Più satura di polvere (abbronzante) dell’Arizona, tra gli Stati chiave per la vittoria di Biden contro Trump, la popstar latinoamericana è stata seconda ospite musicale della cerimonia. Anche lei, come Lady Gaga, ha voluto sfoggiare un simbolo di pace: il bianco candido, immacolato, in un total look a pantalone firmato da Chanel. Un colore che le conferisce un’aura quasi angelica, evanescente, e – incredibilmente – le dona pur essendo di una tonalità fredda, in netto contrasto con i suoi colori caldi. A impreziosire e far brillare il tutto, imponenti bracciali e vistosi orecchini in perle e Swarovsky (o forse….diamanti?). Anche il make up è assolutamente “glow”: trucco bronzeo con viso scolpito, “contourizzato”, smokey eye metallico nei toni dell’oro rosa e del perla, gloss a più strati. Immancabile il “marchio” del suo hairstylist Chris Appleton, la ponytail mezzo raccolta che lifta il viso e lascia sul retro un trionfo di volumi e boccoli.

LE ALTRE EX FIRST LADY Laura Bush ha scelto per l’occasione un cappotto color azzurro carta da zucchero. La collana con giro singolo di perle unico tocco particolare, ma sempre all’insegna della massima sobrietà. Hillary Clinton si è presentata invece con un abito manlike in chiffon dello stesso punto di viola scelto da Kamala Harris, semi nascosto da un cappotto nero lungo en pendant con la mascherina, tutto firmato Ralph Lauren.

AMANDA GORMAN – La poetessa che ha incantato tutti con le sue parole indossava un cappotto giallo pastello camicia bianca e gonna a tubino in satin, tutto Prada.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Greta Thunberg “trolla” Donald Trump: “Un vecchietto felice con un radioso futuro davanti”

next
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi: “Per Alan Friedman Melania Trump è una ‘escort’? La Rai non faccia sconti, è come Mauro Corona”

next