Un calcio e via. Partirà forse così il 2021 della borsa londinese, con l’arrivo sul listino dell’iconico marchio di scarponi “anfibi” Dr. Martens. Un marchio capace di vendere ogni anno oltre 11 milioni di paia, in più di 60 paesi del mondo e con 130 punti vendita monomarca. Concepite dal medico militare tedesco Klaus Martens, originariamente come scarpe ortopediche, le “doc Martens” compaiono nei negozi nel 1960. Indossate dal chitarrista degli Who Pete Townshend diventano rapidamente di moda nella scena underground britannica. Il movimento “punk” li adotterà come capo di vestiario imprescindibile. Ma la gli anfibi trascenderanno tendenze e orientamenti, diventando un classico anche tra i movimenti giovanili dell’estrema destra.

Oggi il marchio è posseduto al 75% dal fondo di private equity Premira, che lo ha acquistato nel 2013 per 300 milioni di sterline (332 milioni di euro). Lo scorso anno Dr.Martes ha incassato il 48% in più dell’anno prima raggiungendo i 672 milioni di sterline (744 milioni di euro), con profitti pre -tasse per 101 milioni di sterline (123 milioni di euro). Ora Premira intende quotare almeno il 25% del gruppo, con la possibilità di salire al 40%, in quella che potrebbe essere la prima grande “Ipo” (Inital pubblic offering, la quotazione iniziale in borsa, ndr) del 2021 sul mercato londinese. Tra le linee di sviluppo indicate dal management c’è innanzitutto il rafforzamento del canale di vendita on-line, per “emanciparsi” dai rivenditori fisici, mettendo cos’ a frutto la lezione imparata durante la pandemia e “tagliano fuori” rivenditori terzi che erodono parte dei ricavi.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, in dicembre primo calo degli occupati dallo scorso aprile. Il 2020 uno dei peggiori anni di sempre per il lavoro

next
Articolo Successivo

Vendite al dettaglio: a novembre vola ancora l’on line, soffrono gli altri. Ma si comprano quasi solo prodotti necessari per il lockdown

next