I Carabinieri del NAS (Nucleo Anti Sofisticazione), in collaborazione col Ministero della Salute e i militari della Sezione Analisi del Reparto Operativo del Comando Carabinieri per la Tutela della Salute, hanno sventato una minaccia concreta alla salute, oscurando ben 102 siti web che vendevano illegalmente farmaci anti-covid di cui era impossibile verificare provenienza, validità ed efficacia.

L’operazione, finalizzata al contrasto al cybercrimine farmaceutico, si iscrive in un’attività più ampia di monitoraggio che in questo 2020 hanno portato all’oscurazione di ben 237 siti web, di cui 217 connessi con l’emergenza pandemica COVID-19.

Nelle vetrine virtuali di tali siti erano in vendita diversi farmaci soggetti a obbligo di prescrizione e vendibili esclusivamente in farmacia, senza contare le precise indicazioni terapeutiche e i principi attivi contenuti, che li rendevano soggetti a restrizioni d’uso e indicazioni di impiego specifiche, che solo un medico specializzato avrebbe potuto stabilire.

Tra questi farmaci antimalarici come clorochina e idrossiclorochina, per cui l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) ha da poco pubblicato una scheda atta a orientarne la prescrizione e a definirne il rapporto tra benefici e rischi, e antivirali come lopinavir e ritonavir, il cui utilizzo off label (ovvero l’uso di medicinali in situazioni che non sono previste dal Riassunto delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) comunemente detto Scheda Tecnica) al di fuori degli studi sperimentali clinici è stato sospeso.

I militari si sono inoltre imbattuti in molti altri farmaci come l’antinfiammatorio indometacina, la cui assunzione fuori stretto controllo medico può provocare gravissimi effetti collaterali, o l’antivirale daclatasvir, il cui utilizzo è attualmente vietato in tutta l’Unione Europea.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Europa vuole investire nel settore dei processori. Nel consorzio c’è anche l’Italia

next
Articolo Successivo

Apple MacBook Pro 16 pollici, su Amazon con sconto di 230 euro

next