Una gigantesca manta, dal peso di oltre 450 chili, è stata recuperata senza vita a Palermo, arenata alla Cala. Sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco con una gru per riuscire a sollevare la carcassa e portarla via, come si vede dalle immagini pubblicate su Facebook da Italo Tripi. Ancora non si conoscono i motivi che hanno causato la morte dell’animale, dal momento che è solito prediligere le acque pulite e molto profonde, motivo per cui non è molto presente nei nostri mari. Le ipotesi più probabili al momento sono che si sia smarrita o arenata nel tentativo di inseguire una preda, oppure che fosse malata: saranno gli esami degli esperti dell’istituto zooprofilattico di Palermo a chiarirlo.

Una manta alla Cala questa sera

Pubblicato da Italo Tripi su Mercoledì 23 dicembre 2020

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dieta di Natale? “Ecco come fare a concedersi libertà in sicurezza”. Parla la dottoressa Migliaccio

next
Articolo Successivo

Gennaro Gattuso: “Sono malato, ho la miastenia. Solo un pazzo come me può stare in piedi”

next