Dieci anni di reclusione. È la condanna richiesta dal pubblico ministero di Vicenza, Luigi Salvadori, per l’ex presidente della Banca Popolare del capoluogo veneto, Gianni Zonin al termine del processo per il crac dell’istituto e il conseguente azzeramento dei titoli in mano a quasi 120mila risparmiatori.

Quanto agli altri imputati, le richieste sono state di 8 anni e 6 mesi per gli ex vice direttori generali Emanuele Giustini e Paolo Marin, di 8 anni e 2 mesi per l’ex consigliere Gianmarco Zigliotto, e 8 anni per l’ex vice direttore generale Andrea Piazzetta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gessica Notaro, la decisione della Cassazione: confermata la condanna a 15 anni per Tavares

next
Articolo Successivo

Lega, la procura di Milano apre una indagine per truffa dopo la denuncia di Brigandì

next