Il 10 dicembre è morto di Coronavirus a 65 anni Lucio Moderato, psicologo e psicoterapeuta, uno dei massimi esperti italiani di autismo. Viveva a Milano e amava ripetere che “l’autismo non è una malattia ma una condizione”. Moderato era nato a Sacile, in Friuli Venezia Giulia, con una tetraparesi spastica sin dal primo giorno di vita. Diventato negli anni un punto di riferimento importante per le persone autistiche e le loro famiglie, è stato anche professore all’Università Cattolica di Milano e direttore dei servizi diurni di Fondazione Sacra Famiglia di Cesano Boscone (Mi). Nel 2017 è stato insignito dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella della carica di Cavaliere della Repubblica per meriti scientifici e umanitari, in particolare per il suo metodo di approccio globale alle disabilità intellettive a cui oggi tante strutture dedicate fanno riferimento e traggono ispirazione.

Un grave lutto ha colpito Sacra Famiglia: è mancato, dopo aver lottato contro il Covid, il professor Lucio Moderato,…

Pubblicato da Fondazione Istituto Sacra Famiglia su Giovedì 10 dicembre 2020

Nella sua vita con umanità e competenza ha assistito centinaia di famiglie con figli con autismo. Benedetta Demartis, presidentessa dell’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici (ANGSA) commenta a Ilfattoquotidiano.it la prematura scomparsa: “Moderato aveva una personalità carismatica e molto ironica, forse per supplire a un problema fisico abbastanza importante. Ma proprio quella sua disabilità lo aveva reso molto determinato a superarla e gli rendeva facile rapportarsi con chi aveva caratteristiche molto diverse dalle sue (come l’autismo) ma altrettanto condizionanti nella vita di tutti i giorni”. Nel 1980 si è laureato in psicologia a Padova con una tesi di laurea innovativa per quei tempi intitolata “Integrazione lavorativa dei soggetti portatori di handicap”, ottenendo come voto finale il 110 e lode. Un pioniere e studioso, sempre pronto ad approfondire le conoscenze in particolare sulle disabilità intellettive. “Moderato oltre 20 anni fa ha iniziato a parlare in Italia di autismo e dei trattamenti terapeutici di tipo educativo – comportamentale idonei per migliorare questa condizione”, dice la numero uno di ANGSA, “mentre intorno a lui, vari professionisti come i neuropsichiatri infantili, psicologi, logopedisti e psicomotricisti, ancora erano legati a una visione dell’autismo che vedeva questo disturbo come derivante da un rapporto relazionale difettoso tra madre e figlio: madre anaffettiva che causava l’autismo nel bambino. Grazie a lui c’è stata una svolta positiva”.

L’autorevolezza gentile di Moderato si diffonde tra le associazioni e i diversi enti che, a vario titolo, hanno un rapporto diretto con le persone disabili. Viene invitato a centinaia di convegni, anche molti all’estero, diventa il simbolo italiano dell’impegno per la consapevolezza e inclusione dei soggetti con autismo. Poneva l’accento sulle possibilità degli autistici e non sui loro deficit. Moderato, ad esempio, è stato tra i primi a capire che l’autismo fosse un disturbo del comportamento e non una patologia. “Mi ha sempre colpito in lui la caparbietà e l’ostinazione con cui cercava di insegnare qualcosa anche agli adulti con autismo che per altri esperti erano casi irrecuperabili – racconta Demartis – .Con i casi più difficili riusciva comunque a trovare il modo di migliorarli, dando loro nuova dignità. E questa speranza, per noi genitori è stato il regalo più grande che ci ha lasciato”. La sua passione lo ha spinto a individuare una serie di modelli virtuosi che definiscono specificamente che cos’è l’autismo e che permettono di creare dei percorsi a beneficio di migliaia di soggetti autistici, migliorando in maniera significativa gli effetti della loro condizione. “Cosa lascia agli autistici e alle famiglie? La sua grande esperienza con i bambini e adulti con autismo ci ha permesso di far raggiungere ai nostri figli traguardi a volte impensabili”, spiega la presidentessa dell’ANGSA, “la sua formazione di altissima qualità portata a migliaia di educatori, insegnanti, specialisti e familiari è una grande eredità che continuerà anche in futuro a dare i suoi frutti”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Addio a Gianluca Bertini, storico assessore di San Miniato impegnato nell’associazionismo. Eugenio Giani: “Grave perdita per la società”

next