Se ne va “un pezzo di storia”, “una parte di noi“. I compagni di squadra della Nazionale campione del mondo nel 1982 in Spagna salutano Paolo Rossi, l’uomo che con i suoi gol trasformò l’Italia di Bearzot. “L’ho saputo cinque minuti fa, mi dispiace tantissimo. Non so cosa dire, è stato un fulmine a ciel sereno”, dice Dino Zoff, che di quella squadra era il capitano. “Abbiamo sempre avuto un grande rapporto con Paolo, simpatico, intelligente – prosegue Zoff al telefono con l’Ansa – Era un po’ che non ci sentivamo, ci avevano detto qualcosa ma non pensavo fosse così grave. I rapporti con lui erano stupendi, era simpaticissimo. Intelligente, aveva tutto per stare bene. Qualcosa difficile da capire”.

“Un altro pezzo di storia del mio amato calcio se ne va. Grande Paolo con te ho vissuto in Nazionale gli anni più belli. Ti voglio bene”, ha scritto su Facebook Giancarlo Antognoni, oggi club manager della Fiorentina. “Sei mesi fa ho perso un fratello, oggi ne piango un altro. Non voglio dire altro, per me questo non è il momento di parlare”, il breve commento di Antonio Cabrini all’Ansa, Antonio Cabrini. Anche Fulvio Collovati a Radio Anch’io dice: “Mi continuano a scrivere nella chat i miei compagni dell’82… se ne è andata una parte di noi. Se ne va una parte della mia vita. Vogliamo continuare a ricordarlo come ce lo ha ricordato stanotte sua moglie”.

“Era sempre presente, nell’ultimo periodo non con grande continuità ma c’era. Ci mancherà tantissimo. Ha regalato gioie e sorrisi, quel Mondiale ancora oggi a distanza di tanto tempo è vivo nella memoria degli italiani. Ha portato la gioia nelle case degli italiani e del mondo intero”. Con queste parole anche Beppe Bergomi ha voluto ricordare Paolo Rossi a Sky Sport. “Verrà ricordato in tutto il mondo, perché tutti si ricordano di Paolo Rossi – aggiunge Bergomi – Quel gruppo del mondiale ’82 era veramente una famiglia e lo si vede ancora oggi, siamo sempre a contatto. Paolo ne faceva parte, insieme al nostro condottiero che era Bearzot“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paolo Rossi, eroe ed eterno ragazzo come noi

next
Articolo Successivo

Paolo Rossi morto, il ricordo della Camera: i deputati in piedi salutano l’eroe del Mondiale ’82 con lunghi applausi

next