Era stato ricoverato in ospedale a Trento, colpito dal Covid, che ora se l’è portato via. È morto a 86 anni Aldo Moser, il più anziano di una dinastia che ha fatto la storia del ciclismo italiano. Nato a Giovo il 7 febbraio 1934, fratello maggiore di Enzo, Diego e Francesco, Moser aveva corso con Fausto Coppi e partecipato a 16 edizioni del Giro d’Italia, ottenendo come miglior piazzamento un quinto posto e indossano per due volte, a distanza di 13 anni, la maglia rosa.

Nel Dopoguerra, dopo essere diventato professionista nel 1954, Aldo Moser ha vestito la maglia azzurra per quattro volte ai Mondiali – a Frascati nel 1955, poi Waregem nel 1957, a Reims l’anno successivo e a Mendrisio nel 1971 – e vinto cinque trofei in carriera. Si ritirò a 39 anni, chiudendo una carriera assai longeva per una frattura a un ginocchio. Con la maglia della Filotex, nel 1973, è riuscito a correre con i suoi tre fratelli professionisti: un record.

Durante una massacrante tappa del Giro d’Italia, la Merano-Bondone, l’8 giugno 1956, lungo i 242 chilometri iniziò una tormenta di neve che investì il gruppo mentre risaliva lo Stelvio. Aldo Moser, che alla partenza era terzo, fu immortalato mentre scavalcava un ‘muro’ di neve con la sua bicicletta portata a braccia. Una foco iconica del ciclismo di quegli anni: su 86 partenti, dopo la tempesta e quattro sterrati, solo 45 arrivarono al traguardo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Micheal Antonelli è morto per Covid a 21 anni. Il ciclista era in riabilitazione dal 2018 dopo un grave incidente in bici

next