“Il Covid adesso è meno grave della morte di Maradona. All’improvviso la morte di Maradona surclassa il Covid come importanza mondiale”. Ha esordito così Giuseppe Cruciani aprendo l’ultima puntata de La Zanzara su Radio 24. Tranchant e senza peli sulla lingua come sempre, il conduttore ha commentato negativamente le manifestazioni d’affetto messe in atto dalla città di Napoli e da tutti i napoletani per la scomparsa del “Pibe de Oro”, visto il contesto di emergenza Covid in cui si trova in particolare la Campania. Un parere condiviso anche dal collega David Parenzo, che ha rincarato la dose.

“Senza nulla togliere alla morte di Maradona, un grandissimo campione del calcio, oggi ci sono anche altre notizie”, ha detto Parenzo. Immediata la replica di Cruciani: “Ma dai, ma non ce ne frega un ca**o, sveliamo tutto, tu prima hai detto ‘perché emozionarsi così tanto per la morte di una singola persona? Muoiono 700/800mila persone al giorno, perché stracciarsi le vesti?’, me lo hai detto tu, ‘era anche un cocainomane’, mi hai detto tu ‘non si può piangere un cocainomane'”.

“Non l’ho mai detto”, ha però puntualizzato Parenzo, “ho detto ‘poverino, è stato un grande eroe nazionale nel quale si sono rispecchiate generazioni’, dopodiché che fosse un noto cocainomane non lo dico certo io”. “Senti che retorica – ha incalzato Cruciani – intanto a Napoli si radunano vicino al murales, e chissà se faranno le multe. Le multe le faranno o no a Napoli secondo te? Devono farle o no?”. E Parenzo: “Certo che devono farle. Ma Maradona è stato un campione straordinario ok, dopodiché adesso c’è una piccola cosa che si chiama ‘pandemia’”.

“Posso dire? A Napoli non gliene frega un ca**o della pandemia. Immagino gente in lacrime – ha concluso Cruciani – Tu piangeresti per un singolo giocatore di pallone?”. La risposta: “No, piangere un parente o un amico, non un calciatore”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La ex compagna di Maradona: “Sua moglie non vuole che lo veda per l’ultima volta”

next
Articolo Successivo

Laura Pausini si infuria: “In Italia fa più notizia la morte di un uomo bravissimo col pallone che l’addio a tante donne violentate”

next