Lamborghini svela la nuova Huracán STO, acronimo di Super Trofeo Omologata: trattasi di una supersportiva estrema, espressamente dedicata all’uso in pista ma omologata per quello su strada. Si ispira a bolidi da competizione come la Huracán Super Trofeo EVO e GT3 EVO, quest’ultima tre volte vincitrice della 24 Ore di Daytona e due volte della 12 Ore di Sebring. La STO, peraltro, sembra un omaggio di bentornato a Stephan Winkelmann, nuovo Presidente e Amministratore di Lamborghini (nonché Presidente della Bugatti, carica che ricopre dal 2018). Il manager tedesco, cresciuto in Italia, aveva già diretto la marca del Toro dal 2005 al 2016, dando il via libera a modelli come la stessa Huracán, la Aventador e il Suv Urus.

Sotto al cofano posteriore della STO, posto dietro l’abitacolo, pulsa il motore V10 aspirato da 640 Cv di potenza massima e 565 Nm di coppia motrice. È collegato alle ruote posteriori di trazione e garantisce un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3 secondi, da 0 a 200 km/h in 9 secondi e una velocità massima di 310 km/h. Tante le soluzioni derivate dal motorsport e pensate per ridurre il peso: ad esempio il cofano anteriore, i parafanghi e il paraurti anteriore sono integrati in un unico elemento, ispirato alla leggendaria Miura e alla più recente Sesto Elemento.

Mentre le nuove prese d’aria sul cofano anteriore aumentano il flusso dell’aria attraverso il radiatore centrale al fine di ottimizzare il raffreddamento del propulsore e contribuire a generare deportanza. In coda spicca un vistoso alettone regolabile, studiato per migliorare il bilanciamento fluidodinamico e la resistenza all’avanzamento in base alle condizioni del percorso: sicché, l’efficienza aerodinamica migliora del 37% e, sostiene Lamborghini, “viene raggiunto un aumento significativo della deportanza, pari al 53% rispetto alla Huracán Performante”.

Un occhio particolare, poi, come detto è stato riservato al contenimento del peso: tanto che oltre il 75% dei pannelli esterni della Huracán STO è di fibra di carbonio, il che contribuisce a limitare il peso a secco del veicolo a 1.339 kg, 43 kg in meno rispetto alla Huracán Performante. Merito anche di alcuni accorgimenti come il parabrezza specifico, più leggero del 20%, e i cerchi di magnesio, gommati con pneumatici Bridgestone Potenza appositamente sviluppati e disponibili in due versioni, una per la strada, l’altra per la pista. Il prezzo? Circa 304 mila euro.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volkswagen Touareg eHybrid e R, ibrido alla spina e prestazioni al top – FOTO

next