Dopo il dato sulla produzione industriale, che a settembre è calata del 5,6% a fronte del maxi rimbalzo di agosto, dall’Istat arriva anche l’aggiornamento su fatturato e ordini. Sempre a settembre il primo, al netto dei fattori stagionali, diminuisce in termini congiunturali del 3,2% interrompendo la dinamica positiva registrata nei quattro mesi precedenti. Anche se la media del terzo trimestre resta ampiamente positiva (+33,4%) rispetto al trimestre precedente. Anche gli ordinativi destagionalizzati registrano un deciso calo congiunturale (-6,4%), mentre nella media del terzo trimestre sono cresciuti del 40,7%. In termini tendenziali, corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 22 contro i 21 di settembre 2019), il fatturato totale diminuisce del 4,6%, mentre l’indice grezzo degli ordinativi aumenta del 3,2%,

La dinamica congiunturale del fatturato – spiega l’Istat – è sintesi di una significativa diminuzione del mercato interno (-4,9%) e di un aumento quasi trascurabile del mercato estero dello 0,2%. Per gli ordinativi, invece, il calo congiunturale riflette ampie contrazioni delle commesse provenienti da entrambi i mercati (-5,7% quello interno e -7,3% quello estero). Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a settembre gli indici destagionalizzati del fatturato segnano un aumento congiunturale solo per i beni strumentali (+0,9%); tutti gli altri raggruppamenti registrano cali abbastanza marcati: –3,5% i beni di consumo, -5,6% i beni intermedi e -7,3% l’energia.

La riduzione del fatturato anno su anno (-4,6%) riflette cali di ampiezza simile sia sul mercato interno (-4,5%) sia su quello estero (-4,9%). Con riferimento al comparto manifatturiero, il settore dei mezzi di trasporto registra la crescita tendenziale più rilevante (+4,6%), seguito dalle altre industrie manifatturiere e delle riparazioni (+2,6%), mentre l’industria dei computer e dell’elettronica e l’attività di raffinazione del petrolio mostrano i cali peggiori (-11,0% e -34,7%, rispettivamente).
In termini tendenziali l’indice grezzo degli ordinativi (+3,2%) riflette un buon risultato sul mercato interno (+5,1%) e uno modesto per quello estero (+0,4%). La maggiore crescita tendenziale si registra nel settore dei mezzi di trasporto (+17,6%) e in quello del legno e della carta (+4,7%), mentre i peggiori risultati si rilevano nell’industria farmaceutica (-4%) e nel comparto dei computer e dell’elettronica (-4,1%).

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il fondatore di Twitter investe in Satispay. Dagli Usa 18 milioni di euro per la start up italiana

next
Articolo Successivo

Black Friday, governo conferma la data del 27 novembre. Confcommercio: “Rinvio inutile, quello che serve è una web tax”

next