Nuova picchiata per il mercato europeo dell’auto: dopo la lieve ripresa di settembre, nel mese di ottobre sono state immatricolate poco meno di 1,13 milioni di unità nell’area continentale (UE+Efta+UK), con un calo di circa 86 mila unità (-7,1%) rispetto a ottobre 2019. Ancora più grave il computo del periodo gennaio-ottobre: nei primi dieci mesi dell’anno, infatti, sono state registrate circa 9,7 milioni di nuove auto, in flessione del 27,3% rispetto al corrispondente periodo del 2019, quando erano state consegnate 3,6 milioni di unità in più.

La fotografia dei principali mercati del vecchio continente è impietosa: nel consuntivo gennaio-ottobre in Italia le immatricolazioni sono scese del 31%. Ha fatto peggio soltanto la Spagna (-36,8%), mentre il calo del Regno Unito è uguale a quello del Bel Paese (-31%). Va poco meglio in Francia (-26,9%) e Germania (-23,4%).

In Italia, esauriti gli incentivi dedicati alle auto con emissioni comprese fra 61 e 110 grammi di CO2 al chilometro, il mercato è tornato in stagnazione. “Un quadro che avevamo preannunciato, dove stenta a decollare anche la transizione energetica, perché nonostante l’Ecobonus, la fascia di emissioni 0-60 g/Km di CO2 è ancora ferma al 3% del mercato, con scarsi benefici ambientali, economici e fiscali”, sostiene Andrea Cardinali, direttore generale dell’Unrae, l’Associazione delle Case automobilistiche estere.

Senza contare che “da luglio a ottobre 2020 in soli quattro mesi, grazie agli incentivi ‘allargati’, sono state rottamate circa 125.000 vetture, mentre nei 15 mesi precedenti, con gli incentivi limitati alla fascia 0-60 g/Km, le rottamazioni sono state appena 7.000”, aggiunge Cardinali: “Senza la spinta alla rottamazione, che stimiamo abbia interessato il 70% delle auto incentivate nella fascia 61-110 g/Km, non solo avremmo avuto un minore introito IVA per lo Stato, ma non saremmo riusciti a liberare le nostre strade da decine di migliaia di auto inquinanti e poco sicure”. Da qui le richieste del settore affinché nella nuova Legge di Bilancio vengano inserite delle norme a sostegno dell’automotive, che siano in grado di sostenere il mercato nel corso del 2021.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ducati e Lamborghini, scorporo dal gruppo Vw? Il Risiko dei marchi non indispensabili

next
Articolo Successivo

Fca Heritage, la forza della tradizione. Spente le prime cinque candeline

next