“Il marchio MINI è da sempre sinonimo di ‘Clever Use of Space’ (Uso intelligente dello spazio). Nella Mini Vision Urbanaut, estendiamo il concetto di spazio privato alla sfera pubblica, generando esperienze completamente nuove e ancora più ricche”: è così che Adrian van Hooydonk, capo dello stile del gruppo BMW, parla del nuovo prototipo a marchio Mini, dotato di propulsione elettrica a guida autonoma.

Urbanaut è concepita per vivere il veicolo tanto in marcia quanto durante lo stallo. Ed è proprio la tecnologia a rendere l’abitacolo spaziosissimo in relazione alle dimensioni esterne (l’auto è lunga 4,46 metri): merito della compattezza della meccanica a zero emissioni. La stessa che, insieme ai materiali riciclati che danno vita a rivestimento in tessuti e sughero, conferisce al mezzo una connotazione ambientalista. Come detto pocanzi, la Urbanaut è fatta per essere vissuta soprattutto a motore spento, grazie a un abitacolo “multifunzione”, molto luminoso e modulabile a seconda delle esigenze.

“Mini vede il suo futuro, in primo luogo, come catalizzatore e compagno di momenti indimenticabili, che potremmo chiamare ‘Mini Moments’. La Vision Urbanaut ne ha a disposizione tre – Chill, Wanderlust e Vibe – per offrire un’ampia gamma di scenari d’uso”, afferma Oliver Heilmer, numero uno del design Mini: “Il Chill Moment invita a prendere fiato e a fare una pausa nel qui e ora. L’auto diventa una sorta di ritiro, un rifugio dove rilassarsi – o lavorare con piena concentrazione – durante un viaggio. Wanderlust è l’unico Mini Moment in cui si guida la Vision Urbanaut, in persona oppure attivando le funzioni di guida autonoma. Il Vibe Moment pone il tempo speso con altre persone al centro dell’attenzione – sotto ogni punto di vista”.

Sicché, fra sedili girevoli, plancia che diventa un divanetto e parabrezza che si apre come uno scrigno (e, nelle intenzioni del costruttore, simula una loggia), la Urbanaut sembra configurarsi come un inno su ruote al relax. All’abitacolo, pensato per quattro passeggeri, si accede da un singolo portellone laterale scorrevole. Senza contare che la plancia può ritrarsi verso il basso, così come possono fare volante e pedaliera, quasi a voler cancellare ogni traccia di un’automobile convenzionale. Nella zona posteriore c’è anche un tavolino ripiegabile e, quando la portiera è aperta, un ulteriore spazio dove sedersi. Via i comandi e le manopole, sacrificati sull’altare del minimalismo e sostituiti da una superficie touch retroilluminata.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bmw iX, il manifesto tecnologico della casa bavarese. Da oggi al futuro – FOTO

next
Articolo Successivo

Auto ibride ed elettriche, gli italiani le comprerebbero. Anche se le conoscono poco

next