La SpaceX Dragon, con quattro astronauti a bordo, ha raggiunto la Stazione Spaziale Internazionale. L’attracco è avvenuto intorno alle 5 di questa mattina, ora italiana: una volta aperto il portello, gli uomini della missione Crew-1 hanno abbracciato i colleghi della Expedition 64, a segnare l’inizio di una nuova epoca nella storia spaziale, nella quale i privati svolgono un ruolo di primo piano al fianco delle agenzie governative. Il comandante della missione Crew-1, Mike Hopkins, è ora a bordo della Stazione Spaziale con Victor Glover e Shannon Walker, tutti e tre della Nasa, con Soichi Noguchi, dell’agenzia spaziale giapponese Jaxa. A riceverli il comandante della Stazione Spaziale Sergey Ryzhikov, con Sergey Kud-Sverchkov, entrambi russi, e l’americana Kate Rubins, che si è occupata dell’apertura del portello.

Lanciata dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral il 16 novembre, la Crew Dragon è arrivata alla Stazione Spaziale dopo un viaggio di 27 ore e mezzo. Per l’azienda SpaceX, dell’imprenditore visionario Elon Musk, e la Nasa è l’inizio di una nuova tappa delle missioni nello spazio; per gli Usa un capitolo importantissimo del ritorno alla corsa verso la spazio e per spezzare il monopolio russo. La navicella spaziale, che si chiama “Resilience”, ha attraccato sulla stazione spaziale a circa 260 miglia (400 chilometri) sopra lo Stato dell’Ohio, nel Midwest degli Stati Uniti. SpaceX ha trasmesso immagini in diretta dall’interno della capsula che mostravano gli astronauti al loro posto, cosa che né i russi né gli americani avevano fatto finora.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid in Italia a settembre 2019, i dubbi dell’epidemiologa: “Valutare i metodi”. Gli autori: “Sicurissimi dei nostri risultati”

next