Lo scorso marzo era andato al Covid Hospital di Boscotrecase, in provincia di Napoli, per affrontare in prima linea l’emergenza sanitaria. Antonio Casillo, chirurgo estetico con trent’anni di carriera alle spalle e medico di Pneumatologia, ha contratto il coronavirus in corsia mentre assisteva centinaia di persone affette dal Covid-19. E alla fine, come è accaduto a tanti colleghi, ha lottato per riprendersi e tornare dai suoi pazienti, ma non c’è stato niente da fare: è morto la sera del 12 novembre su un lettino della rianimazione dell’ospedale di Boscotrecase.

Casillo, 57 anni, originario di San Giuseppe Vesuviano, aveva studiato alla Federico II di Napoli per poi laurearsi in Chirurgia e Medicina estetica. Il 22 ottobre sui social si era espresso contro i ritardi del governo nella risposta all’emergenza sanitaria: “Non siete in grado di proteggere gli italiani”, era il post che aveva condiviso. Come tanti altri medici si è ritrovato a passare dal combattere la malattia in corsia ad essere ricoverato dopo essere stato contagiato: dopo alcune settimane nel reparto Covid, è stato trasferito in rianimazione, dove alla fine si è spento. “Un uomo buono e sempre disponibile, un amico, un professionista” lo ricordano sulla pagina facebook dell’ospedale Covid di Boscotrecase.

(Crediti immagine: Facebook)

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, è morto Gianni Bernardinello, lo storico fornaio “Berni” di Milano. Durante il lockdown regalava il pane a chi aveva fame

next
Articolo Successivo

Duccio Cipriani, Prato piange il produttore cinematografico morto a 64 anni per il Covid. Fece un cameo in “Se son rose” di Pieraccioni

next