Era uno dei volti più conosciuti nel panorama dell’intrattenimento pratese. Un uomo che sapeva incarnare a pieno quella ilarità toscana pungente e spiazzante. Lo scorso 5 novembre, nella notte, se n’è andato Duccio Cipriani, 64 anni, vittima del Covid-19. Era stato ricoverato da una settimana all’Ospedale Santo Stefano di Prato dopo aver contratto l’infezione pochi giorni prima. Qui il quadro clinico si è progressivamente aggravato fino al triste esito.

Attore e produttore cinematografico, con Duccio Cipriani la città toscana perde uno dei suoi punti di riferimento. Figlio di Cipriano Cipriani e di Vera Guarducci – una delle famiglie più facoltose e in vista della Prato del dopoguerra – il nome di Cipriani è legato in particolare al Club delle Pagliette e alla loro Rivista del Buzzi, grazie anche alla sua amicizia con un altro pratese eccellente come era Rodolfo Betti. Per l’associazione è stato organizzatore e attore.

Grazie al sodalizio iniziato una ventina di anni fa con l’imprenditore e produttore Marco Duradoni si era avvicinato al mondo del cinema, collaborando nel ruolo di produttore esecutivo ad alcuni film diretti da Leonardo Pieraccioni. Come nell’ultimo Se son rose, nel quale si è ritagliato un cameo come attore. È stato amico di Massimo Ceccherini, Carlo Monni e Alessandro Paci. Per quest’ultimo aveva prodotto, nel 2016, il film “Gli infami“. Un personaggio sempre pronto quando c’era da mettere in piedi una rappresentazione. Poco importa se fosse teatrale o cinematografica. È stato anche conduttore su Prato TV della trasmissione “Un caffè con Duccio”.

“Una persona leale, creativa, generosa, Duccio amava ogni espressione della vita – lo ricorda Marco Duradoni su La Nazione – frequentarlo era come partecipare a una gita di ragazzi di scuola”. Mentre l’Ordine goliardico del “Chiavaccio Erotico et Cencioso” lo ha ricordato con un post sui social definendolo “uomo che da sempre ha provato profonda stima e passione nei confronti del nostro ordine, ma soprattutto verso la città di Prato“.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antonio Casillo, il chirurgo estetico che a marzo aveva scelto la battaglia in corsia: è morto al Covid Hospital di Boscotrecase

next