Durante la prima ondata Gianni Bernardinello, lo storico fornaio “Berni” in via Paolo Sarpi, a Milano, distribuiva pane e brioche a chi aveva fame e non aveva soldi per mangiare: “Per andare incontro a chi ha bisogno. Servitevi pure e pensate anche agli altri”, recitava il cartello che aveva appeso all’ingresso del suo forno a Chinatown. Ma la seconda ondata di Covid-19 se lo è portato via all’improvviso. È morto a 76 anni.

Nel quartiere lo conoscevano tutti, lui che per più di 30 anni aveva sfornato il pane ogni giorno. “Un pezzettino di Paolo Sarpi ci ha lasciato”: lo ha salutato su Facebook il gruppo di Chinatown “Social street Paolo Sarpi”. Ma ‘Berni’ nella sua vita aveva fatto tante altre cose: aveva da poco imparato a costruire i droni, era stato orafo, inventore di penne stilografiche, fotografo di moda, imprenditore di filati, e anche vicesindaco e assessore di Trezzano sul Naviglio. “Instancabile” e con “un grande cuore”, lo ricordano gli amici sul gruppo di quartiere.

Nel suo negozio si trovano cinquanta tipi diversi di pane, al passo con l’innovazione. Tranne per i biscotti: la loro ricetta, segreto di famiglia che risale alla bisnonna, segue la tradizione. Ora la gestione passerà alla figlia Samuela: “Papà sognava che Paolo Sarpi diventasse la strada più bella di tutta Milano. Lavoreremo anche per questo, dal nostro forno di famiglia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista