C’è il Covid? Fate sesso, ma… da soli. Il consiglio masturbatorio arriva nientemeno che dalla Durex. I produttori di profilattici hanno lanciato una campagna pubblicitaria dalla loro pagina Instagram dove si invita a “divertirsi da soli”. L’obiettivo di Durex non è quello di promuovere l’uso di preservativi in solitaria, ma quello di usare un po’ di lubrificante che non fa mai male. L’annuncio fa così: “Non avremmo mai pensato di chiedervelo, ma se le restrizioni non vi permettono di incontrare nuovi partner o partner stabili ma non conviventi, non si può fare altrimenti per ora: quindi divertitevi da sol* perché non fa altro che bene”.

Così di fronte ad un lettore attonito ecco un’ulteriore spiegazione: “Certo, non è la stessa cosa ma se è la migliore soluzione possibile allora provate piacere da sol* (e con un po’ di lubrificante ancora meglio..) e se non lo avete mai fatto, beh è un buon momento per iniziare”. Durex Italia ha già lanciato diversi messaggi pubblicitari poi diventati meme nei periodi più delicati della pandemia da Coronavirus tra cui quello riferito all’acronimo DPCM sintetizzato sopra un preservativo con la spiegazione: “Diamo Protezione ai Contatti Memorabili”, e quello riferito alle elezioni presidenziali statunitensi: “Erection Night, dopo stanotte solo uno durerà quattro anni”.

Leggendo infine i commenti al post dove si invita alla masturbazione con lubrificante causa Covid molti utenti ricordano che esiste una challenge online specifica che gira in questi giorni. Si chiama NNN: No Nut in November (“Non eiaculare in novembre”), ma oramai molti ragazzini scrivono di averla “persa” decine e decine di volte.

Visualizza questo post su Instagram

Non avremmo mai pensato di chiedervelo, e invece…. #toccatevi #durex #durexItalia

Un post condiviso da Durex Italia (@durexitalia) in data:

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Facebook Dating e le altre app di incontri: un valido supporto, ma solo se usate correttamente

next
Articolo Successivo

“Il porno ha aiutato oltre 8 milioni di italiani a superare la quarantena”: la ricerca di Pornhub

next