Con un’uscita di scena degna del clamore di un grande del teatro e pervasa dall’umorismo surreale caratteristico del suo genio comico, Gigi Proietti ci ha salutati proprio oggi, nel giorno in cui celebrano i morti, nello stesso giorno in cui ha compiuto ottant’anni.

Che classe suprema!

Basti dire che l’unico precedente, in questa raffinata forma di commiato coincidente con la propria celebrazione, è stata una delle icone dell’eleganza del Novecento, ovvero David Bowie.

La prima cosa mi viene da dire è: Gigi Proietti non è stato solo la maschera nazionalpopolare che tutti adoriamo, con una trasversalità interregionale ormai rara per i comici romani; non è stato solo il fine dicitore di barzellette rese memorabili dal suo magistero attoriale; non è stato solo il volto di gomma delle gag irresistibili di Pietro Ammicca, il professore sbronzo di educazione sessuale che perde magnificamente il controllo a fine lezione, il cantautore esistenzialista francese della sublime “Nun me rompe er ca’” (capolavoro eguale e contrario rispetto all’originale di Jacques Brel).

Non è stato, soprattutto, solo il Maresciallo Rocca.

Gigi Proietti non è stato solo l’imitatore imbattibile dei suoi colleghi, capace di far scoppiare a ridere di sé perfino un mattatore come Vittorio Gassman.

Gigi Proietti non è stato solo “A me me piace”, in una delle più famose pubblicità della storia della televisione italiana.

Gigi Proietti non è stato solo Mandrake, icona assoluta della romanità, nel film di culto Febbre da Cavallo (trasmesso da emittenti locali quotidianamente per anni, tutti i miei concittadini coetanei ne sanno ogni battuta a memoria), enciclopedia tribale capace di immortalare per sempre il genius loci della filosofia di strada capitolina.

Gigi Proietti non è solo il più bel Rugantino, non è solo l’amato deluso che urla “Amore, amore, amore un corno” in un brano scritto da Claudio Baglioni e cantato con furia da Mia Martini.

Gigi Proietti non è solo la voce della sigla de Il Circolo Pickwick, girato da Ugo Gregoretti, in cui è accompagnato alla chitarra da un giovane allora sconosciuto, tal Lucio Battisti.

Gigi Proietti non è solo l’attore in grado di riempire uno stadio con uno spettacolo di venticinque anni prima, il memorabile A me gli occhi, please, scritto col troppo presto dimenticato Roberto Lerici.

Gigi Proietti non è solo Meo Patacca, Fregoli, Sandokan, San Filippo Neri.

Gigi Proietti è stato molto di più.

È stato l’unico, grande erede di quel genio seminale della comicità surreale che corrisponde al nome di Ettore Petrolini (sempre sia lodato).

È stato allievo di Arnoldo Foà, Giulietta Masina e Giancarlo Sbragia e maestro di Flavio Insinna, Giorgio Tirabassi, Enrico Brignano, Massimo Wertmüller, Rodolfo Laganà e molti altri.

È stato brillante protagonista di uno spettacolo straordinario come La cena delle beffe di Carmelo Bene.

È stato il mancato Casanova di Fellini, bilanciando il colpo di fortuna che lo vide diventare protagonista di Alleuja, brava gente, lo spettacolo che lo lanciò, sostituendo all’ultimo minuto Domenico Modugno.

È stato sulla scena portando da attore testi non solo di Shakesperare e Moliére, ma anche di Apollinaire, Picasso, Brecht, Moravia, Gombrowicz , da regista opere liriche di Puccini, Donizetti, Mozart, Verdi, Berlioz.

È stato il volto di film d’autore per firme come Scola, Blasetti, Petri, Magni, Monicelli, Bolognini, Altman, Tavernier, Lattuada, Steno, Kotcheff, Lumet fino all’ultima apparizione nel Pinocchio di Garrone.

È stato protagonista della gag più truce e divertente del tremendo e mirabile Casotto di Sergio Citti.

È stato la voce italiana di Robert De Niro in Mean Streets, di Sylvester Stallone (nel primo Rocky!), di Dustin Hoffman, Charlton Heston e Marlon Brando, oltre che del Genio di Alladin per la Disney.

È stato Edmund Keane sul palco del “suo” Globe Theatre.

È stato maledettamente sfortunato, perché in un altro paese sarebbe celebrato come un grandissimo attore, tecnicamente dotato come pochi, tra Gassman e Bene, non solo tra i comici romani, come i pur grandi Manfredi e Sordi.

È stato un grande tifoso della Roma, ma nessuno è perfetto.

È stato, probabilmente, l’ultimo campione di una romanità sapiente, colta e popolare, splendente di sardonica saggezza, ormai smarrita nel baratro di una volgarità qualunquista.

È stato uno dei più grandi attori del Novecento, a livello internazionale.

È stato tutto questo, anche se non riusciva a dire: “Un whisky maschio, senza rischio!”, o meglio lo sapeva meravigliosamente dire in infinite variazioni errate.

Grazie di tutto, Cavaliere Nero, corri fiero e libero, finalmente ora per sempre indisturbato.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Gigi Proietti morto, l’Italia ha disperato bisogno di cultura

next