Occorreranno grande forza di volontà, tanta fantasia e pazienza per affrontare i prossimi mesi. Non mi riferisco a quello che metteranno in campo le varie amministrazioni (anche se questi ingredienti non guasterebbero nel loro operato), bensì a quanto noi singoli cittadini riusciremo a produrre.

Partiamo dalla pazienza, la pazienza è una forma di amore – scrive Banana Yoshimoto. Ne occorrerà tantissima, occorrerà tantissimo amore, verso noi stessi, gli altri e perché no, anche verso l’ambiente. Abbiamo intrapreso da febbraio, forse inconsapevolmente, un cammino nell’incertezza, non solo economica, non è andato tutto bene e adesso dobbiamo ripartire, senza sapere quando, dove e se arriveremo. Quindi evitiamo le scorciatoie e tratteniamo l’insofferenza, consci del fatto che possiamo agire su tutto, ma che il tempo è una variabile totalmente indipendente, difficile da gestire. Per questo occorre pazienza.

Anche di fantasia ne occorrerà tantissima, non certo per modificare il repertorio da cantare in coro dai balconi, o per postare nuove ricette, ma per proiettare nuovi balconi verso gli altri. Dopo questi mesi siamo tutti un po’ stanchi e confusi, ma non possiamo far mancare il nostro aiuto a chi serve. Tanti anziani hanno ancora bisogno di spese al supermercato, di medicine e di compagnia, gli studenti di assistenza e sostegno, visto che la scuola appare barcollante; e con poche ore la settimana possiamo fare meglio di un computer, ognuno di noi potrà poi aggiungere una categoria e immaginare come rendersi utile.

Da ultimo potremo far ricorso a una consistente e insospettata riserva di buona volontà, si tratta di uno strumento la cui quantità è praticamente illimitata, poiché dipende soprattutto dal nostro grado di disponibilità. Possiamo ancora fare molto, senza deliri di onnipotenza, facendo leva sulla collaborazione, il dialogo e soprattutto pensando che i tre ingredienti di partenza, se sommati, formano una massa critica che si espande in un universo fantasticamente infinito di possibilità, ma definito dalle azioni e dalle relazioni che sappiamo mantenere e sviluppare.

Memoriale Coronavirus

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Modena, neogenitori positivi e in quarantena: la Croce Rossa porta il latte materno alla bimba in ospedale

next
Articolo Successivo

Coronavirus, non mi piace ammetterlo ma solo la paura ci può salvare

next