È morta per Covid a 24 ore di distanza dal marito. Lea Vergine, all’anagrafe Lea Buoncristiano, aveva 84 anni ed era una delle più importanti figure della critica d’arte a livello italiano ed internazionale. Il decesso è avvenuto all’ospedale San Raffaele di Milano il giorno dopo la morte del marito Enzo Mari, ricoverato anche lui nel medesimo istituto e deceduto per complicazioni legate al Covid. Napoletana, Vergine aveva conosciuto Mari negli anni sessanta quando erano entrambi sposati. Avevano vissuto insieme, accusati di concubinaggio, a Napoli, e poi lei si era trasferita nel capoluogo lombardo, fino a quando nel 1978 i due erano convolati a nozze.

Il ciuffo bianco, la sigaretta malandrina tra le dita, l’eloquio ironico e tagliente, la Vergine era stata tra le prime ad affrontare con energia e spirito di rottura l’avvento della fisicità e dell’azione performativa nel mondo dell’arte contemporanea. Tra Il corpo come linguaggio (1974) e L’altra metà dell’avanguardia (1980), Vergine cesella il doppio cambiamento sia di sostanza nell’analisi delle nuove “opere d’arte” che nella firma a margine del gesto artistico mostrando la presenza cospicua delle donne tra gli artisti. “L’arte non è necessaria”, spiegava la Vergine in una lunga e ricca intervista video ad Artribune. “È il superfluo. E quello che ci serve per essere un po’ felici o meno infelici è il superfluo. Non può utilizzarla, l’arte, nella vita. ‘Arte e vita’ sì, nel senso che ti ci dedichi a quella cosa, ma non è che l’arte ti possa aiutare. Costituisce un rifugio, una difesa. In questo senso è come una benzodiazepina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Contro lo spauracchio del lockdown. Il Teatro San Carlo guarda oltre, lancia una piattaforma alla “Netflix” e si auto/produce

next
Articolo Successivo

“Dove finisce l’Italia”, da Ventimiglia a Lampedusa: così le storie raccolte da Niccolò Zancan trasformano i confini in ponti

next