Samsung Galaxy M21 è uno smartphone di fascia medio-bassa, che si pone come alternativa più economica rispetto al Galaxy M31, con cui infatti condivide gran parte delle caratteristiche tecniche, fatta eccezione per alcuni elementi che giustificano il prezzo di vendita inferiore, ma che forse ne penalizzano in parte anche la valutazione.

M21 arriva in Italia a un prezzo di 229 euro nella sola configurazione che prevede 4 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibile. Una cifra che lo pone in concorrenza con tantissimi dispositivi altrettanto validi che si inseriscono nella stessa fascia di prezzo, che non gli renderanno di certo vita facile.

Come detto, la maggior parte delle caratteristiche sono mutuate dal Galaxy M31. A fare la differenza ci sono la RAM, che nel fratello maggiore arriva a 6 GB, e il comparto fotografico. Per questo motivo, abbiamo deciso di impostare la recensione in maniera un po’ diversa esplicitando i punti in comune e quelli in cui differiscono, con alcune considerazioni su vantaggi e svantaggi di tali scelte.

I punti in comune

Partiamo dai punti in comune. Anche Galaxy M21, come l’M31, fa dell’autonomia il suo punto di forza, grazie a una batteria da 6000 mAh che ci ha permesso di coprire agevolmente due intere giornate lavorative, superando le 7 ore di schermo acceso.

Frontalmente, ritroviamo un ottimo pannello SuperAMOLED da 6,4 pollici con risoluzione Full-HD+ (1080 x 2340 pixel) protetto da Gorilla Glass 3. Il pannello offre una qualità di alto livello e un’esperienza visiva molto soddisfacente. Ottimi gli angoli di visione, ottimo contrasto e luminosità molto elevata. Nessun problema di visibilità nemmeno in giornate molto soleggiate.

Resta pessimo invece il trattamento oleofobico della scocca posteriore, realizzata in policarbonato, che tende così a sporcarsi molto facilmente. Il modulo fotografico è quasi a filo con il pannello mentre il sensore biometrico – risultato poco preciso -è posizionato sul pulsante laterale di accensione. Non manca il jack audio da 3,5 mm, sempre molto apprezzato.

Completa la connettività: supporto Dual-SIM (con possibilità di utilizzare contemporaneamente anche la microSD), NFC, Bluetooth 5.0, porta Type-C per la ricarica e jack audio da 3,5 mm. La parte software è affidata ad Android 10 con personalizzazione dell’interfaccia grafica One UI 2.0, con tutte le soluzioni a cui il colosso di Seul ci ha abituati.

Le differenze

Le differenze tra Galaxy M21 e Galaxy M31 sono tutte nei due aspetti che maggiormente interessano agli utenti: le prestazioni e il comparto fotografico. Il cuore pulsante è lo stesso, il processore Samsung Exynos 9611 che però in questo caso è abbinato a 4 GB di RAM. La differenza si fa sentire nell’utilizzo quotidiano, con lo smartphone che risulta meno reattivo e più lento in alcune circostanze.

Gira comunque bene e svolge serenamente le attività più classiche, ma il livello di fluidità è inferiore rispetto al fratello maggiore. Un aspetto che, se da un lato lo porta a differenziarsi dal Galaxy M31, dall’altro rappresenta uno svantaggio quando deve affrontare la concorrenza.

Sul posteriore, troviamo tre fotocamere anziché quattro. Il sensore principale da 64 Mpixel è abbinato a un grandangolare da 8 Mpixel e a un sensore da 5 Mpixel per raccogliere le informazioni sulla profondità di campo. I risultati calano un po’ in ogni situazione anche se le foto di giorno sono comunque apprezzabili.

La resa cromatica non è eccellente. I colori sono vivaci, meno naturali e molto più vicini a ciò che gli utenti desiderano per la condivisione sui social. Il rumore però è più evidente con una tendenza a impastare i colori, soprattutto negli scatti con la fotocamera grandangolare che – soprattutto in notturna – resta un passo indietro.

Presente anche la modalità notturna, che però migliora di poco il risultato ed è sfruttabile solo con il sensore principale. I video possono essere registrati fino alla risoluzione 4K. La qualità resta nella media, ma la mancanza di una stabilizzazione ottica si fa sentire molto.

Nella media, invece, la fotocamera anteriore da 20 Mpixel che riesce a tirare fuori dei selfie apprezzabili, tanto in diurna quanto in notturna, con un buon livello di dettaglio. Presente anche qui la possibilità di poter scattare con una ripresa più ravvicinata o lontana, quest’ultima è molto utile per le foto di gruppo e con un panorama di sfondo.

Da sottolineare comunque che nel corso del nostro test Samsung ha rilasciato un aggiornamento che mirava proprio a rendere più stabili le prestazioni di Galaxy M21 e a migliorare la resa fotografica. Non escludiamo, dunque, che nel tempo possa migliorare.

Conclusioni

Il vero punto di forza di Galaxy M21 è l’eccellente autonomia. Se questa è la vostra esigenza e avete un budget che si aggira intorno ai 200 euro, potrebbe fare al caso vostro. Le prestazioni sono altalenanti e questo potrebbe far pendere verso il fratello maggiore o verso le tante alternative presenti sul mercato. Insomma, è uno smartphone che può incontrare i gusti di quel gruppo di utenti che non è particolarmente esigente.

Come spesso accade, potrebbe subito il naturale calo di prezzo che tocca gli smartphone Android che lo renderebbero più appetibile. Al di là di alcuni aspetti migliorabili, Galaxy M21 mette comunque a disposizione un ottimo display AMOLED, una connettività completa e un comparto fotografico tutto sommato apprezzabile, oltre alla già citata autonomia sopra la media.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google Play Store, addio al menu laterale: nuova interfaccia in fase di test

next
Articolo Successivo

ASUS ExpertCenter D700SA, desktop PC professionale con una resistenza a urti e cadute di grado militare

next