“Non c’è nessuna intenzione da parte del governo di chiudere ristoranti, bar e locali come si legge su alcune testate, né di anticiparne l’orario di chiusura introducendo di fatto un coprifuoco”. È quanto trapela da Palazzo Chigi alla vigilia della messa a punto del nuovo Dpcm che dovrà tenere conto del trend di contagi in salita in maniera omogenea sul territorio nazionale, stabilmente oltre i 2mila casi da diversi giorni, e le ospedalizzazioni di malati di Covid-19 in aumento.

Il governo, tuttavia, stando a quanto filtra, è intenzionato sì a reintrodurre l’obbligo di mascherina anche all’aperto ma non varerà una stretta sugli orari di chiusura dei locali pubblici, strada intrapresa dalla Regione Campania, area del Paese con i tassi d’incremento maggiore e ormai stabilmente oltre i 400 casi giornalieri. Il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia e il ministro della Salute Roberto Speranza, a quanto si apprende, in serata incontreranno i presidenti di Regione, i rappresentanti dell’Anci e dell’Unione delle province per illustrare i contenuti del nuovo Dpcm e del decreto per una stretta alle nome anti-contagio.

Intanto il presidente del Consiglio, intervista da Settestorie di Rai1, ha spiegato: “Siamo in una situazione diversa da quella della fase iniziale, quella più acuta. È chiaro che il contagio continua, ma io posso dire che siamo fiduciosi di tenerlo sotto controllo perché abbiamo un sistema sanitario rafforzato e poi abbiamo elaborato un sistema di monitoraggio molto sofisticato”. Un metodo, ha aggiunto Conte, che “ci consentirà, laddove necessario, di intervenire in modo mirato e circoscritto. E quindi quando io dico che non vedo all’orizzonte un nuovo lockdown lo dico non con uno spirito di incauto ottimismo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vincenzo De Luca sembra sia pronto a rispolverare vecchie pratiche di ‘recupero trombati’

next
Articolo Successivo

Elezioni, l’alleanza Pd-M5s supera la prova in 6 Comuni. Di Maio: “Modello coalizione”. Zingaretti: “Vincono le forze di governo unite”

next