“Finalmente l’incubo è finito”. Valentina Pitzalis, la giovane diventata simbolo delle violenza sulle donne, ha annunciato così l’archiviazione dell’inchiesta per omicidio e incendio doloso che la vedeva indagata per la morte dell’ex marito Manuel Piredda, 27 anni, deceduto nell’incendio della casa di Bacu Abis, nel Sulcis, dove lei stessa è rimasta gravemente ferita. “Finisce un incubo che è durato tanti, troppi anni. Sono felicissima, anche se sto piangendo“.

Valentina, rimasta sfigurata nel rogo avvenuto il 18 aprile 2011, era indagata per omicidio volontario e incendio doloso a seguito dell’esposto presentato dalla famiglia del marito. Ma ora la giudice per le indagini preliminari Maria Gabriella Muscas ha accolto la richiesta di archiviazione presentata dal pm Egidio Ganassi, prosciogliendo la donna e ribadendo che è lei la vittima del piano elaborato dal marito.

Viene così confermata per la terza volta la ricostruzione secondo cui è stato proprio il muratore di 27 anni Piredda il responsabile del rogo nel quale poi è rimasto ucciso e da cui Pitzalis è uscita viva per miracolo, nonostante i segni drammatici del fuoco riportati sul suo corpo. Un racconto al quale i genitori del muratore non hanno mai creduto, tanto da presentare un esposto nell’agosto 2017 poi sfociato nell’apertura di un fascicolo per omicidio volontario e incendio doloso a carico della donna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catanzaro, truffa da 10 milioni contestata a una casa di cura: “Più di mille ricoveri in unità di terapia intensiva mai avviata”

next