Prosciolto dall’accusa di disastro e crollo colposo. Lo ha deciso, al termine dell’udienza preliminare, il Gup del tribunale de L’Aquila riguardo alle indagini che riguardavano il ministro della Ricerca e dell’Università, Gaetano Manfredi, difeso dall’avvocato Vincenzo Maiello.

Si chiude così la vicenda giudiziaria che ha coinvolto il membro del governo e che si riferiva alle indagini della Procura del capoluogo abruzzese per la sua partecipazione a una commissione di collaudo per le opere del dopo terremoto del 2009. Inchiesta nata dopo il rovinoso crollo di un balcone, senza danni alle persone, e che nel 2015 portò all’inserimento nel registro degli indagati di 37 persone, fra cui proprio Manfredi. Insieme a lui sono stati prosciolti anche altri imputati.

In un’intervista al Corriere del dicembre 2019, il ministro aveva assicurato che si trattava di “una contestazione puramente formale a tutte le commissioni di collaudo. Ma non ho fatto nulla di irregolare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Richiesta di archiviazione per Emiliano, l’ex assessore alla Sanità, l’ex deputato Udc Cera e il figlio: sono accusati di corruzione

next
Articolo Successivo

Omicidio Vannini, la difesa: “Assoluzione familiari e per Ciontoli cinque anni di reclusione per omicidio colposo”

next