Colpo di scena su una delle protagoniste più discusse e controverse del Grande Fratello Vip. Secondo alcuni studi effettuati dalla redazione del settimanale Oggi e dal direttore Umberto Brindani sono emersi degli elementi nuovi e spiazzanti su Patrizia de Blanck. Anzitutto il titolo nobiliare. Secondo alcuni controlli incrociati, la De Blanck ha dato tre diverse versioni sulle sue origini. Semplicemente sembra che la verità sia che il padre adottivo Guglielmo de Blanck sarebbe “conte” perché un suo antenato ha ottenuto il titolo nel 1400, in seguito a una donazione. L’esperto di araldica Pierfelice Degli Uberti ha aggiunto: “Sono andato a vedere l’elenco ufficiale della nobiltà italiana edito dallo Stato nel 1921. Tra le famiglie non risulta nessuna famiglia De Blanck (…) Si può chiamare Contessa se può darle prestigio nell’ambito dello spettacolo“.

Infine il giornalista Giangavino Sulas ha aperto il capitolo delle origini e del vero padre. Infatti la contessa sarebbe stata adottata dai De Blanck in un secondo momento. “Lei dice che è figlia di Asvero Gravelli, un gerarca fascista molto importante, giornalista e scrittore, vicinissimo al Duce – ha detto -. Gravelli altro non è che il figlio di un tipografo di Predappio e di una donna bellissima, che il Duce avrebbe sedotto. Lei è nipote del Duce. A Roma lo sapevano tutti di chi era figlia”. Nel prossimo appuntamento con Grande Fratello Vip c’è da scommettere che saranno approfondite con la diretta interessata tutte le questioni spinose emerse durante lo show.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Domenica In, Mara Venier senza freni con Pierfrancesco Favino: “Io ti amo, ti aspetto da anni”

next
Articolo Successivo

Enrico Brignano: “Sì, si può già ridere di mascherine, virologi e lockdown. Saper sdrammatizzare tutto”

next