“C’è un corpo che galleggia nell’Adda, in località San Pietro a Berbenno, vicino alla pasticceria Libera”. È questa la segnalazione fatta ai vigili del fuoco intorno alle 10 di domenica mattina da due pescatori che si trovavano lungo le sponde del fiume. Subito sono scattate le operazioni di recupero nel punto indicato: il cadavere appartiene a una giovane donna e con il passare delle ore si fa sempre più concreta l’ipotesi che possa essere quello della 15enne Hasfa, inghiottita dal fiume lo scorso 1 settembre mentre con la cugina e altri familiari si trovava al Parco Bartesaghi, a Sondrio, dove risiedeva.

La ragazzina non è mai più stata ritrovata, nonostante giorni e giorni di intense ricerche, anche quelle “massive”, disposte dal prefetto Salvatore Pasquariello. Non solo, ogni giorno, da quando era rientrato dal Marocco poco dopo la tragedia, il padre Hamed Ben Duod, operaio in una segheria della zona, raggiungeva il punto dove la 15enne è scomparsa e si tuffava, nuotando nella speranza di ritrovarla.

Ora la possibile, tragica svolta: il corpo ripescato nell’Adda oggi ha caratteristiche del tutto simili alla descrizione dell’adolescente, anche per quanto concerne l’altezza, e c‘è piena compatibilità fra i luoghi della scomparsa e quelli del ritrovamento. Non ci sono, poi, in Valtellina denunce di altre giovani scomparse. La Polizia di Stato si occupa del caso e, al momento, dalla questura si limitano a dire, prudenzialmente, che sono in corso accertamenti scientifici. Ma i dubbi degli inquirenti sull’identità sono davvero pochi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pistoia, 50enne si suicida gettandosi da un ponte. La compagna trovata morta in casa. “Ipotesi omicidio-suicidio”

next
Articolo Successivo

Avezzano, accoltella la moglie candidata alle elezioni e si uccide: la donna è ricoverata in gravi condizioni

next