Nuovi guai in vista per Fausto Leali. Neanche il tempo di far placare le polemiche per le sue dichiarazioni su Mussolini e il fascismo ed ecco che il cantante si è lasciato andare a nuove, discutibili considerazioni nella casa del Grande Fratello Vip. Questa volta su quella che a suo dire è la “differenza” tra i termini “nero” e “negro”.

È successo durante una conversazione con gli altri inquilini della casa più spiata d’Italia: rivolgendosi a Enock Barwuah, il fratello di Mario Balotelli, Leali lo ha chiamato lo “nero”, appunto. Subito i ragazzi gli hanno fatto notare che non ci si rivolge certo così ma lui ha insistito: “Ma dai smettila nero è il colore, negro e la razza“. Il discorso è proseguito e Enock ha cercato di farlo ragionare: “Però da casa ci guardano non deve passare sta cosa del negro, sennò diventa una cosa comune”. E Leali: “Assolutamente gli uomini di colore sono i bianchi – ha ironizzato. Allora cosa devo fare con la canzone ‘Angeli negri’, la cancello?”.

Al che è intervenuta anche la contessa De Blanck: “Neri devi dire. Ora ti fanno la stessa cosa di Mussolini mo so c** tuoi“. Ma Leali ha proseguito: “La canzone è nata anni fa che colpa nel ho io”. Gli altri inquilini lo invitano però a smettere di ripetere quella parola, spiegando che hanno capito il senso del suo discorso, ma resta un termine offensivo. A quel punto è intervenuto nuovamente Enock: “Ho capito cosa vuoi dire, ma è una parola che non deve essere detta, sennò la gente pensa che è normale, ma è non è normale perché se a me la dicono per strada mi dice quella cosa lì…”. Il discorso nella casa del Grande Fratello Vip si è chiuso, ma sui social in molti hanno criticato duramene l’episodio, invocando l’espulsione di Fausto Leali.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Neri Marcorè approda a DiMartedì su La7: l’attore sarà al fianco di Giovanni Floris

next
Articolo Successivo

Domenica In, Mara Venier senza freni con Pierfrancesco Favino: “Io ti amo, ti aspetto da anni”

next