Mentre ai confini della striscia di Gaza suonano nuovamente le sirene anti-missile, Donald Trump sigilla alla Casa Bianca la ‘pax americana’ in Medio Oriente. A Washington è il giorno degli ‘accordi di Abramo‘, ossia le intese per la normalizzazione dei rapporti a 360 gradi tra Israele da un lato e gli Emirati Arabi e il Bahrein dall’altro, in cambio della sospensione dell’annessione della Cisgiordania. “Un giorno storico per la pace, nasce un nuovo Medio Oriente con un accordo che nessuno pensava fosse possibile e che a breve verrà firmato da altri cinque o sei Paesi arabi”, esulta il presidente Usa. Gli ha fatto subito eco il premier israeliano Benyamin Netanyahu: “Una nuova alba di pace, superiamo le divisioni e ascoltiamo il battito della storia”.

Alla cerimonia si è tenuta nel South Lawn della Casa Bianca, davanti ad una folla di centinaia di invitati con pochissime mascherine e senza distanziamento sociale. Netanyahu ha siglato le intese con i ministri degli Esteri degli altri due Paesi, rispettivamente Abdullah bin Zayed Al Nahyan e Khalid bin Ahmed bin Mohammed Al Khalifa.

“Storici accordi di pace“, li ha definiti più volte Donald Trump. Ma Emirati e Bahrein non sono mai stati in guerra con Israele, non sono trattati di pace come quelli siglati con l’Egitto nel 1979 e con la Giordania nel 1994.
In ogni caso si tratta di intese storiche che cambiano la mappa e gli equilibri mediorientali, segnando l’accettazione di Israele nel mondo arabo e un’alleanza comune contro l’Iran, il nemico numero uno di Washington nella regione.

Per Trump è un trionfo diplomatico ma soprattutto politico, che gli permette di accreditarsi come artefice di pace e di vantare la candidatura al Nobel a sette settimane dalle elezioni, mentre spera di incassare un nuovo successo dai negoziati sull’Afghanistan. Come suggerisce lo stesso nome degli accordi, è una vittoria anche per il suo amico ed alleato Netanyahu, inseguito finora dalle polemiche del processo per corruzione e per il rinvio del lockdown per la pandemia. L’unico prezzo che paga è la sospensione, non la rinuncia, all’annessione della Cisgiordania.

La normalizzazione dei rapporti porta quindi a 4 gli Stati del Medio Oriente, dopo Egitto e Giordania, che rinoscono Israele e che hanno relazioni diplomatiche ufficiali con lo Stato ebraico. Il minor isolamento nell’area di Israele corrisponde però a un aumento delle difficoltà della Palestina, sempre meno sostenuta a livello internazionale. E proprio questa sera due razzi sono stati lanciati da Gaza verso le città israeliane di Ashkelo e Ashodod. Lo ha detto il portavoce militare aggiungendo che uno dei due è stato intercettato dall’Iron Dome, il sistema di difesa anti missili. Secondo i media ci sono due feriti leggeri colpiti da schegge di vetro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Moria, arrestate cinque persone per l’incendio del campo migranti a Lesbo. Berlino fa sapere che accoglierà oltre 1.500 sfollati

next
Articolo Successivo

Medioriente, la Giordania al centro dei cambiamenti geopolitici: ormai è un Paese chiave

next