“L’app Immuni è uscita nel momento in cui la curva stava calando e ci sono state alcune valutazioni mediche sbagliate. Ora dobbiamo reinvestire, perché in questo passaggio di apertura delle scuole è uno strumento straordinario. Penso che non vada bene che ci siano dei leader politici che invitano a non scaricare l’app“. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervistato da Gad Lerner e Maddalena Oliva alla Festa del Fatto Quotidiano (rivedi l’incontro). “Dobbiamo ancora provarci, io non mi rassegno. La battaglia sanitaria si vince se è tutta la comunità nazionale che la interpreta”, ha aggiunto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festa del Fatto Quotidiano, Speranza: “A febbraio ci dicevano che esageravamo a fare le zone rosse nel Lodigiano e in Veneto”

next
Articolo Successivo

Festa del Fatto Quotidiano, rivedi l’incontro con Massimo Fini, Andrea Vitali e Silvia Truzzi

next